Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 69 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Oct 14 16:43:30 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il nichilismo è logicamente confutabile?

di Angelo Ricotta
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/08/2017 18:05:41

Il 2 agosto 2017 alle 15:52 ho inserito un mio commento all'articolo "Etica dell'ateismo" di Paolo Flores D'Arcais pubblicato sul sito http://ilrasoiodioccam-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2017/07/31/etica-dell%e2%80%99ateismo/#more-2986
La mia tesi di fondo, in contrasto con quella dell'autore, è che non possiamo confutare logicamente il nichilismo. Possiamo solo fare scelte diverse ma ritenerle migliori è arbitrario. La specie umana è costituita da una tale varietà di individui che volerne incasellare la natura nei confini indicati dall'autore è irrealistico. Insomma, per fare un esempio estremo, tra noi si aggirano anche assassini efferati, pervertiti di ogni tipo, gente davvero malevola, serial killer, e sono molti di più di quanti possiamo immaginarne.
Ecco il mio intervento.
Trovo logiche e quindi condivisibili le argomentazioni dei punti 1) e 2) ma meno quelle successive. Ad esempio non vedo come si possa sostenere categoricamente che "Ogni uso ulteriore della categoria di «natura umana» è abusivo e surrettizio." oppure "L’unico «si deve» imposto dalla biologia e che ci «si deve» dare una norma. Una qualsiasi, purché funzioni per la sopravvivenza." Se non esiste un essere superiore che ci impone la sua dottrina siamo liberi di pensarla come ci pare sulla natura umana e non è detto che il sopravvivere sia un istinto assoluto. Per certuni potrebbe essere più forte il desiderio di morte. Secondo me il nazismo, ad esempio, aveva in sé un potente sentimento autodistruttivo. Non sto ad elencare tutte le affermazioni che ritengo opinabili. Solo qualche altro rilievo che mi sembra interessante. Non credo infatti nella seguente affermazione "In realtà, se rinunciamo tutti a fare ricorso a qualsiasi autorità assoluta (si chiami Dio, Storia, Natura eccetera), abbiamo già annichilito lo spettro del nichilismo, perché abbiamo già costituito un comune orizzonte di valori." Non c'è bisogno di postulare alcuna autorità assoluta per imporre la nostra personale legge: occorre solo avere la forza di farlo. L'uomo stesso può farsi dio. Nei rapporti umani l'unico assoluto, se proprio vogliamo trovarlo, risiede nei rapporti di forza. Inoltre non vedo perché la seguente affermazione "L’antidoto è noto, almeno da Kant in poi, anche se di applicazione non sempre lineare: la mia libertà conosce un limite quando lede una medesima libertà altrui." debba necessariamente essere condivisa da chiunque. Pertanto nulla ci può salvare dal nichilismo.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Angelo Ricotta, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Ius soli, ius culturae e altri sofismi (Pubblicato il 16/10/2017 10:24:59 - visite: 12) »

:: Bamboccioni (Pubblicato il 14/10/2017 19:22:23 - visite: 19) »

:: L’inganno (Pubblicato il 13/10/2017 08:20:12 - visite: 23) »

:: Intenzionalmente distratti (Pubblicato il 05/10/2017 17:21:43 - visite: 31) »

:: Incomprensione delle statistiche (Pubblicato il 02/10/2017 13:17:06 - visite: 23) »

:: L’ideologia che acceca la ragione (Pubblicato il 02/10/2017 08:56:12 - visite: 21) »

:: Il ciclo del barone (Pubblicato il 27/09/2017 09:06:23 - visite: 44) »

:: La violenza di Agorà (Pubblicato il 20/09/2017 09:38:35 - visite: 56) »

:: Inganno delle statistiche (Pubblicato il 13/09/2017 10:30:02 - visite: 34) »

:: Vietato dubitare (Pubblicato il 11/09/2017 13:28:21 - visite: 45) »

:: Quanto bisogna essere giovani? (Pubblicato il 18/08/2017 09:34:04 - visite: 80) »

:: E poi dicono che non rubano il lavoro agli Italiani (Pubblicato il 30/07/2017 11:37:41 - visite: 101) »

:: Ma quanto sono corrette le domande del giorno di Sky? (Pubblicato il 18/07/2017 18:25:58 - visite: 77) »

:: Intenzionalmente lenti (Pubblicato il 15/07/2017 12:41:43 - visite: 81) »

:: Dublino e Triton (Pubblicato il 10/07/2017 14:49:35 - visite: 84) »