Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Eventi/Notizie/Comunicazioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 89 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed May 22 13:44:20 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sipario

Comunicazione di Melisa Palumbo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli eventi proposti dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/02/2019 11:08:10

Grande tendone,
di diversi colori,
domina la scena
prima del suo inizio.

Quel tendone
è un dolce rifugio
per l’uomo che, dietro a quel sipario,
cela le sue emozioni
ed indossa la maschera
dell’uomo fallace o perfetto.

É solo il sipario a dividere
l’emozione dell’attore
dal giudizio dello spettatore.

Se non ci fosse il sipario,
l’uomo non sarebbe più attore,
perché non potrebbe mostrarsi diverso
ma solo, e sempre, se stesso.

Il sipario in scena dona forza e vigore
a quell’uomo che, per tutti, è un attore
e – per se stesso –
è un cuore che pulsa e che batte
per dare senso alla sua vita,
recitandone i misteri,
le gioie e gli intrighi.

Sipario,
tendone maestoso,
che come sacrario raccogli i segreti più nascosti
dell’uomo attore,
separalo dal suo spettatore ma mai da se stesso,
perché – senza se stesso –
è una maschera che risuona senza lasciare la scia
di una vita spesa nell’arte
a gloria dell’Eterna Bellezza.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »