Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 71 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Dec 17 11:31:48 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Σπηλία Speculum

di Marco Palumbo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/10/2018 17:31:25

# Σπηλία Speculum #

 

Sono dunque penetrato nel ventre azzurro del monte Tenero, colà ove gli antichi greci interrogavano l'oracolo della morte.

Espugno oggi questo scrigno magnifico e superbo. Geloso dei suoi zaffiri esclusivi ed insuperabili, di ogni sua lama di luce turchese, di tutte le tinte dell'arcobaleno, delle molte e rivelatrici note e della vita silenziosa, misteriosa e profonda che custodisce. Ed è un gran bene che sia questo il luogo ed il tempo che segna, registra e definisce la consapevolezza della perdita definitiva di una vita di prima. Un giovane uomo diviene oggi anziano, limitato ed immaturo. E tuttavia spera di far tesoro di questa esperienza e di quel briciolo di conquistata saggezza per iniziare serenamente la difficoltosa discesa, senza cadere ad ogni passo, o lasciar che prevalga il fatale desiderio dell'abisso.

Ακρωτήριον Ταίναρον, 6 luglio 2014


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »