Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1351 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Nov 9 09:49:07 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

“ La prima neve ”

di Franca Dusca Petacchi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/08/2009 10:22:44

“ La prima neve ”

Bianca
la prima neve tesse la trina
e il manto si dilata nel silenzio
soffici piume frantuma
un cielo pietrificato
che spiove malinconico e
si sfà di nostalgia

Sinuosa serpeggia questa via
s’arrampica a raccogliere un sorriso
che schiara e scalda

C’è luce nella sala smerigliata
e la tavola imbandita
svapora
la fragranza di un tepore profumato
riflesso nel riverbero dorato
del cristallo

Non con me
ma dentro me
il tuo sapore
– la tua essenza -

Annuso, assaggio, lecco ed assaporo
gusto
e il gusto si colora, s’accende
e stacca l’acino prezioso
che chicco dopo chicco
raccoglie l’uva

Rosato, tenero, soave
come una carezza
- la senti, si, anche così lontano ? –
riposa su un letto di pera profumato
tra verdi coriandoli e mezzelune d’arancio

Spezzo tra le dita il frutto dorato del grano
- e lecco le tue labbra –
così l’attimo rapisce il tempo
scioglie lo spazio e ti riporta qui

Mi imbocchi
e il sapore di rosse pernici
insanguina le labbra insaziate come le tue mani
e questa sinfonia d’odori
rimescola la voglia che ho di te

Raccogli il volto tra le dita
– come un frutto appena lavato –
lo porti sulle labbra
e mordi appena
poi suggi e lecchi
e come miele mi assapori

E’ presto ancora per lasciar la neve
ad ammucchiarsi sulla strada
a ricamare gli alberi dimentica

Sento la carne sciogliersi sul mio palato
e tu così lontano torni
- piano mi abbracci –
e la mia carne con la tua
una sola carne a rotolarsi
lasciva
tra candide tovaglie e tremuli cristalli

Il vino spande profumo di more
e la mia nuca bruna ondeggia tra i tavoli
- appare e scompare –
cullandoti





Dolce come un soufflè
– morbido e profumato –
riposa su di te il mio corpo abbandonato
tra il ricamo dello zucchero
e il velo bianco della brina

Vedo bianca la neve ha capovolto il cielo
rovesciato sulle case tra i tetti
e un negativo di ombre grigie indugia
a farsi luce e arcobaleno
nel chiaro scuro dei tuoi occhi
nel lucore rosato delle tue labbra

Lascio che il sogno segua la sua corsa
si tuffi nell’ebrezza tra i riflessi rubino del liquore
che bagna le mie labbra innamorate di te
e del tuo amore

La neve non ha dimenticato un lembo di terra
così come il mio cuore
ogni fiocco ha tessuto il mondo di una nuova veste
il desiderio di te ha preso la mia mano
come la neve
- silenziosa - ogni lembo di te
ho ricamato

Franca Dusca Petacchi

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Franca Dusca Petacchi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franca Dusca Petacchi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il Cavatore Supremo (Pubblicato il 16/12/2013 19:45:20 - visite: 772) »

:: “ Rizié il Cavatore ” (Pubblicato il 06/08/2009 10:21:41 - visite: 1197) »

:: Anna è viva (Pubblicato il 06/08/2009 10:12:42 - visite: 748) »