Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 214 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Apr 14 17:56:27 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il lettore notturno

di Natalia Lenzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/01/2017 13:06:40

Hai mai letto un libro di notte?

Quando fuori dalla stanza c'è soltanto silenzio e non puoi che ascoltare le parole che scorri con gli occhi risuonarti nella mente? Hai mai pensato a quanto quelle lettere, file ordinate di riflessioni, riescano ad entrarti dentro? A quanto possono essere pericolosi i pensieri che ti solleticano? Hai mai tremato, versato una lacrima, annuito con la testa, corrucciato le labbra, mentre scorrevi qualche parola? Ti sei mai chiesto quanto tempo è trascorso da quando hai voltato la prima pagina? Ti sei mai scoperto ad immaginare le fattezze dei personaggi, a cercare i loro colori, i loro profili, a piegare le loro espressioni? Ti sei mai sorpreso della strada percorsa dalla storia che leggevi? Ti sei mai arrabbiato scoprendo il finale? Hai mai sospirato, sconfitto, costretto ad abbamndonare quelle pagine, di fronte all'alba?

Se qualcosa di tutto questo ti è mai accaduto, caro lettore, l'autore di quel libro avrà fatto un buon lavoro.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »