Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 143 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Sep 22 18:49:02 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Mia odiosamata nazione

di Endre Ady 

Proposta di Diego Bello »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/06/2018 09:37:48

Se cento volte ti voltassi le spalle,

con o senza una motivazione,

finché mi terrà in piedi la vita,

mai potrò stare con gli infami,

ma ti starò accanto, mia bieca nazione.

 

Fui ingannato, deluso, e per la delusione

sono grato, seppur con dolore

alla Vita, alla Sorte, al Presente.

Dolorosa, erronea la fede, ma conveniente.

Di te invece, di te abbiamo bisogno, azione.

 

Agire, anche solo scrivendo,

ma agire comunque, irrequieti.

Con orgoglio e in alto la testa,

far sapere che qui nulla accadrà

finché rimarrà anche una sola protesta.

 

Il mio patriottismo mi stringe

e il mio cuore continua a cantare,

come un antico sovversivo,

remoto, eppur tempestivo,

ma con un cuore non del tutto guerriero.

 

Vieni adesso valorosa magiarità,

vita libera del vagabondo,

spingi Occidente contro Occidente,

infondi nel sangue nuovo vigore:

questo caos non può continuare.

 

Se cento volte girassi le spalle,

sarebbe per sempre una danza fallace:

l’Ungheria oggi è davvero nei guai.

Io sto in attesa della tua sorte,

mia odiosamata nazione.

 

traduzione di Vera Gheno e Gabriella Caramore


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »