Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2018: Cherchez la femme | invito a partecipare
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 58 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 24 00:24:56 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Treni strettamente sorvegliati

di Alberto Castrini 

Proposta di Alberto Castrini »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/05/2018 22:22:14

Bohumil Hrabal è giustamente ritenuto uno dei più importanti scrittori cechi contemporanei.

Nato a Brno nel 1914 e morto a Praga nel 1997 testimonia nei suoi scritti lo spirito malinconico di questa terra.

Nella sua vita zingaresca praticò mille mestieri prima di approdare a quello di trascrittore, come si autodefiniva, perché le sue storie rudemente ordinarie sono assorbite principalmente dalla vita di birreria.

N’esce uno stile originale, fortemente basato sull’oralità, le chiacchiere e i monologhi da ubriaco.

Il racconto, ambientato nella Boemia del 1945, in perfetto humour agrodolce, come vari piatti della cucina locale, è veramente spassoso.

Milos, incasinato ferroviere con una famiglia di singolari personaggi, è affetto da eiaculatio precox.

Umiliato nella propria virilità, tenta il suicidio, ritorna al lavoro ma sempre col tormento fisso.

S’adopera per un’azione partigiana di sabotaggio di un treno militare tedesco, conosce fugacemente una bella e disponibile attivista e finalmente dimostra la sua mascolinità.

Detto questo, parrebbe la solita insalata di lattuga. No! Perché l’importante è il condimento e gli ingredienti accessori.

Il condimento è quest’ironia, che ha prodotto testi esemplari come “Il buon soldato Sveik” di Hasek.

Anche le pagine più meste sono leggère e riescono a far sorridere.

Il nostro “eroe” è teneramente accompagnato tra le vicende; chiederà aiuto per il suo problema, persino alla moglie del capostazione, fino all’innocente dichiarazione di verginità alla bella staffetta.

Il tutto con una visione della sessualità candidamente primitiva.

Imperdibile l’interrogatorio, da parte del burocrate di turno, del collega, reo d’avere interamente timbrato e fotografato il culo della prosperosa telegrafista.

Questo libro, dal quale è nato un bel film in bianco e nero, vincitore dell’Oscar nel ’67, introduce alla conoscenza di un agire diverso dal nostro abituale, dove pure nel finale scalognato, non c’è la minima traccia d’odio verso il nemico.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »