Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 101 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun May 19 21:56:08 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Se questo è un uomo

di Primo Levi 

Proposta di Alberto Castrini »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/02/2019 21:28:45

Mi sono finalmente deciso a leggerlo. Ho fatto bene!

La prosa asciutta, asettica, da testimone non vendicatore ti sconcerta.

Non c'è, volutamente, un grido, un pugno verso il cielo, una bestemmia!

L'annichilimento totale dell'essere umano voluto dai nazisti ottiene il risultato sperato: i dannati sono senza volontà, sentimenti, futuro, speranze.

Sono già morti! Quasi sperano nella Selezione (camera a gas), parola che non fa più nemmeno paura.

Nella narrazione non ci sono bugie sulla solidarietà degli oppressi, perché anche questo è stato annientato. Persino quando si sentono i rombi delle cannonate del nemico che avanza non c'è nessuna reazione.

Perché essere “il sopravvissuto che non ha rinunciato a nulla del proprio mondo morale è concesso solo ai martiri o ai santi”.

E “la sola strada di salvezza conduce alla demenza e alla bestialità subdola”.

Unico sprazzo di luce le lezioni di racconto della Divina Commedia.

Si rimane senza fiato nel constatare la disumanità sino a quale abissi possa arrivare.

Ed è per testimoniare questi che Levi si è posto il compito di scriverlo.

Ma evidentemente il peso di questi misfatti aveva talmente inciso nella sua anima che alla fine è risultato insopportabile.

Importanti le domande finali alle quali Levi risponde.

Specialmente quando dice che i tedeschi, e i polacchi, non potevano non sapere.

Colpisce che l'autore non sappia rispondere alla domanda sul perché nella storia gli ebrei vengano quasi sempre perseguitati.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Castrini, nella sezione Proposta_Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Il cacciatore di storie , di Eduardo Galeano (Pubblicato il 29/04/2019 23:23:28 - visite: 13) »

:: Un ombra ben presto sarai , di Osvaldo Soriano (Pubblicato il 06/02/2019 21:24:46 - visite: 66) »

:: Un ombra ben presto sarai , di Osvaldo Soriano (Pubblicato il 06/02/2019 20:55:13 - visite: 47) »

:: La grande sera , di Giuseppe Pontiggia (Pubblicato il 08/01/2019 22:12:54 - visite: 104) »

:: Treni strettamente sorvegliati , di Alberto Castrini (Pubblicato il 05/05/2018 22:22:14 - visite: 408) »