Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 435 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 20 22:29:32 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il battito antico

di Federico Zucchi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/11/2016 19:43:21

Il battito antico

Nella nebbia occorsa
salpano ancora le barche da pesca
i bambini si fermano a conteggiare
sul vetro le gocce di pioggia,
la luce spalanca il catechismo
alla pagina bianca
l’astro nascente del desiderio
lancia infocanti molotov
sulla folla di un cuore
innamorato.

Il presente accorcia i battiti
striglia il fantino addosso allo schermo
digita insonne spezzoni di vita
dimenticando
Argo morente
che mena da solo
il suo tozzo di coda.

Tutto cambia così in fretta
che la comprensione
pare incolmabile,
ma dentro di noi
sentiamo ancora
defluire
lo stato d’esordio
e contempliamo maggio
dall’interno coscia
di un istante infinito.

Tutto cambia così in fretta
ma il presidio silenzioso
di una stella
ci appare ancora
tra gli alamari
spaiati della notte.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Federico Zucchi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La solitudine oggi (Pubblicato il 17/02/2019 15:52:11 - visite: 58) »

:: Cosa tiene in piedi il mondo (Pubblicato il 10/02/2019 15:10:21 - visite: 64) »

:: Questo è il punto (Pubblicato il 03/02/2019 20:17:12 - visite: 72) »

:: La danza degli opposti (Pubblicato il 13/01/2019 10:24:12 - visite: 72) »

:: Tutta la luce dell’universo (Pubblicato il 27/12/2018 11:26:13 - visite: 114) »

:: Processo alla vita (Pubblicato il 13/11/2018 18:21:28 - visite: 100) »

:: Irripetibile presenza (Pubblicato il 07/11/2018 13:37:14 - visite: 120) »

:: Settembre (Pubblicato il 29/08/2018 10:30:40 - visite: 200) »

:: Prima somiglianza (Pubblicato il 21/07/2018 21:02:36 - visite: 204) »

:: Presbiopia (Pubblicato il 20/07/2018 20:04:55 - visite: 147) »