Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 337 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Aug 27 01:59:04 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

E tu non parli mai

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/02/2017 00:43:04

Nell' abisso cerca il tuo dio

nell' abisso, cerca se vuoi trovarlo

chè nelle stelle del cielo se ne sono persi gli atomi

e li stiamo ancora cercando.

Il forse, quel magico forse che ti fa ancora sperare

rinsaldi i cardini della tua schiena bifronte

le ali spiegate della ciurma al comando

un solo padrone con vene da schianto e ventre perfetto

per partorire la figlia di dio, un nuovo pensiero, più sognato che altro.

Commuoviti amore mio o devo tirarti i capelli come quando

ancora giocavamo?

Quel teatro delle ipotesi da recitare a mente.

Cerca dove ci vuole troppo coraggio per cercare, per un cuore spezzato.

Oppure ridi di me con le tue amiche fidate, di nascosto da tuo padre.

Anche solo un secondo che passo in più ad immaginare,

è più forte di me, mi cava una parola dalla bocca dopo l' altra

mi lascia tra le labbra un sorriso senza denti.

Per essere povero di spirito.

Di nuovo conserverò l' istinto di restare immobile.

Diventerò solo io, solo io, io solo

e mai più, una volta per tutte

a te distratta, dal vento che ti muove lontano da me

per un' altra vita ancora.

Aspettare senza tregua che il mondo capovolga.

Restare in piedi è sempre stato il tuo marchio di fabbrica

mia colomba degli allori, Musa clandestina,

bottino dei miei occhi soltanto.

Esplodere nel cuore, ghigliottina da coriandoli

pezzi sempre più piccoli che passeranno nella cruna dell' ago

uno per volta. A prima vista morirò.

Ma scavando più a fondo trovammo l' acqua in riva al mare

trent' anni fa.

Chi mi supera, chi conserverà memoria di me?

E non ritornano più certe sensazioni perdute

"come lacrime nelle pioggia alle porte di Tannhauser"

e tu non parli mai, me lo dici in confidenza che non m' ami più.

Dimentichi il mio nome, mi confondi con quello che vuoi.

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Vele d’altura (Pubblicato il 14/09/2019 01:51:47 - visite: 33) »

:: Un passaggio di stato (Pubblicato il 14/09/2019 01:34:25 - visite: 29) »

:: La fine di ogni principio (Pubblicato il 14/09/2019 01:20:54 - visite: 24) »

:: Chirù (Pubblicato il 13/09/2019 01:20:05 - visite: 35) »

:: Vita di coppia (Pubblicato il 04/09/2019 16:08:39 - visite: 57) »

:: Silenzi (Pubblicato il 27/08/2019 15:51:05 - visite: 40) »

:: Patria potestà (Pubblicato il 23/08/2019 04:14:04 - visite: 52) »

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 50) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 77) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 62) »