Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 221 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 11 01:04:50 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Foci di voci (scritta insieme ad Antonia Vono)

di Abraxas
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/09/2017 10:11:16

 

Distici mistici niente acrostici
siamo tossici dell'appartenerci
foci di voci
nemmeno croci agli incroci del viaggio.
Solo luci intermittenti
che accese spengono il sole.
Forse il tempo può incurvarci
stingerci trasformarci
ma rimane il nucleo
il riconoscersi il ricostruirsi identici
(di)mostrarci
forse sporgendoci come vertigini
impaurirci...soffrire
nel claustrofobico (con)tenersi
luci di notte ad alleggerirci i sogni
e soli di giorno nel ricongiungerci
nel verso corretto
detto e ridetto a dispetto di tutto
rimarsi a morsi
o stringersi al petto i respiri
calarsi nel pozzo dei mali
e respirarsi a fari spenti
e poi scoprirsi più forti di tutto.
Amarsi e volersi
cosparsi di sale o di viole
dispersi e riuniti
al momento giusto.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Abraxas, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Abraxas, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Se il vento é muto (Pubblicato il 03/03/2017 08:38:37 - visite: 278) »

:: Talent (Pubblicato il 22/02/2017 06:52:42 - visite: 308) »

:: In gocce di veleno (Pubblicato il 22/02/2017 06:45:14 - visite: 316) »

:: Adieu, grazie, è stato niente (Pubblicato il 13/02/2017 07:47:17 - visite: 289) »

:: Al ballo dei poeti tristi (Pubblicato il 22/11/2016 09:30:01 - visite: 351) »

:: L’amore in quattro ragli e mille serpenti a sonagli (Pubblicato il 22/11/2016 09:23:11 - visite: 309) »

:: Appesa a una stella (Pubblicato il 10/11/2016 09:15:39 - visite: 432) »

:: Perché la vita non è eterna (Pubblicato il 10/11/2016 09:12:24 - visite: 292) »

:: La dea dei monti spogli (Pubblicato il 27/10/2016 14:06:22 - visite: 371) »

:: Al settimo caffè (Pubblicato il 22/10/2016 10:29:34 - visite: 430) »