Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 529 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 17 16:54:10 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Macchia cieca; Corredo; Schegge


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/04/2018 12:00:00

 

MACCHIA CIECA

 

C’è un sentiero fiorito che ritorna,

talvolta, frantumando le abitudini

dei giorni amari, dei pensieri morti,

di questa pioggia fine sulle strade

nere e guardinghe. Eppure è un’illusione,

lo so: non c’è mai niente che ritorna

davvero, e forse il viso di mia madre

che sorride in giardino sarà sempre

più lontano da me, da questa vita,

come una macchia cieca nella sera.

 

 

CORREDO

 

Quanti sogni nascondono gli armadi!

Fiori nei lini, broccati, lenzuola

ripiegate con cura nel silenzio

degli anni. Quanto sole nei cassetti,

adesso che se ne vanno le sere!

Quante porte sono rimaste chiuse

mentre il corredo andava fuori moda:

il legno vecchio odora di cantina,

anche il cielo è un lenzuolo senza nubi,

esanime in un brusio di cicale.

 

 

SCHEGGE

 

Oggi settembre è azzurro nonostante

l’angoscia ci sconfigga, a volte, e lasci

labbra di fiele e sacchi di fatica.

C’è così tanta vita nell’autunno

imminente: basta il coraggio antico

di fermarsi, ogni tanto, per guardare

il cielo e non pensare che le lacrime

scendano invano. In fondo siamo fatti

di polvere, schegge di un’altra luce.

 

 

 

[ Poesie terze classificate alla IV edizione (2018) del Premio Letterario Il Giardino di Babuk - Proust en Italie | scarica gratuitamente l'e-book del Premio: www.ebook-larecherche.it/ebook.asp?Id=229 ]

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Midbar (Pubblicato il 20/05/2019 12:00:00 - visite: 90) »

:: Poesie per mamma Elda (Pubblicato il 13/05/2019 12:00:00 - visite: 186) »

:: Primavera, indomabile danza (Pubblicato il 06/05/2019 12:00:00 - visite: 159) »

:: Dal lavorio dei tetti (Pubblicato il 29/04/2019 12:00:00 - visite: 229) »

:: Ciro ci ha detto che gli figlia l’asina (Pubblicato il 22/04/2019 12:00:00 - visite: 135) »

:: ante meridiem (Pubblicato il 15/04/2019 12:00:00 - visite: 192) »

:: In memoria (Pubblicato il 08/04/2019 12:00:00 - visite: 253) »

:: Il nome che ti manca (Pubblicato il 01/04/2019 12:00:00 - visite: 251) »

:: Dalla cripta (Pubblicato il 25/03/2019 12:00:00 - visite: 264) »

:: Fiori nati su roccia (Pubblicato il 18/03/2019 12:00:00 - visite: 236) »