Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 115 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Nov 9 07:47:30 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Surreal Tango ~ Suite

di Gabriella Vai
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2018 16:20:21

(Intro)

 

Riflessi d’un infranto core
Azzurra vita che non vieni
Rimescolo rintocchi alieni
Al comico annottar dell’astro
Imberbe rimo al figliol prodigo
Discuto il flusso di Macao
D’improvvidi gitanti incognito
E scortico il jeux noir che fu”.

 

(Pronti…)

 

I - Tartassata di rudimental sostento, impigrisco addolorata su guanciali d’emblema: torvi corvi, gufi stufi, spiagge amene, speme inferma, graduale discernersi di quel morbo garibaldino già sperimentato, monitorato, protocollato e d’indigenza assuefatto.

 

II - Avatar di Pleiadi scomposto, flusso di luna = flusso di vendetta, coprocoltura svizzera per ruminanti poveri, pieghe di selve zingare s’aggrappano al malcontento ritmico, sì! – ripeto adesso – si!, ritmi incalzanti ondeggiano all’imbrunir del sole.

 

III - Todeschità passate accusano il mio ceto corvino d’armeggii intimisti e contesti scarmigliati a sa+rabanda, invisi al fido nordico azzimato - scriminatura bieca ed introversa; mentre; magri d’autore, virgole codarde, capri, ischemie e godurie spettinate brillano al chiar di lunedì cadetto.

 

(…Via! )

 

Mal soppesando il futile ragguaglio

vivo di brezze attonite e sincere;

mostro ribrezzo al buco dello squaglio

ma -sperperando il fiato dell’alfiere-

domino a scala e carte quarantotto

chi mi incatena il blues con laccio edotto.

 

«Viene la rima viene la neve viene il tormento del tempo che fu.

Ecco la bambola subdola e greve, alza le veste e il boa non c’è più».

 

Ma, se non porto a tangere i budini

posso tramare accolite scommesse

vigili in groppa al re dei ciclamini

che mi riversa il the come piovesse;

 

Va colorando il cielo mattutino

scopro a pedali il fresco del viadotto

macino gruppi a zenzero e cumino

spero in un tango atroce e malridotto

tutta la mia simpatica attenzione

tutto il futuro cieco e inappagato

che si riscatta al buio del commiato.

 

Apre la donna il guscio dell’ombrello

sostituendo il falso al malcelato

prediligendo il duttile budello

al duro incarto a fungo del prelato.

 

Morde l’orecchio e il morso si fa guerra

simili affronti del passo carraio

dolce progetto, il seme cade a terra

e sfonda l’assoluto di Gennaio.

 

Catarifrango il premio dell’olfatto

mentre un canguro mastica il mio retto

aperitivo al nulla, e di soppiatto

vo’ spalancando il cor a un do di petto

che s’aggroviglia all’ugola del giorno

che mi vedrà ripetere la posa

da ascetica vedette a luci porno

(da fondo di bambù a bocca di rosa).

 

Mangia il mio pane, oh cimbro maledetto!

Segui chi tanto ardì e non fiatare:

so chi ti da cineserie nel letto

so chi lo fa e so anche come fare.

 

La geisha non sarò dei tuoi malanni:

infimo guasto al blocco del motore

si oppone al flusso estatico degli anni

si innalza un gemito

s’illumina e poi muore…

 (Ponte )

 

¡Cosa sarà di me del sé del the di queste false anguille acciambellate non so differenziare tra abitacolo interconnesso e la predilezione per l’incontrastabilità acuita dal possesso fasullo sminuzzato di intemperanze incondizionate splash!

 

(Trio )

 

Quando il fallo farà forza, il fiore ferirà fulmini e coralli.

Mi estenua questa tanguerìa balda ed ubiqua, sembra una danza semplice ma quant’è potente, mi sbatte come schiaffo di tempesta.

Comignoli di gas, le stradine umide dei rigattieri, il colmo per un fioraio e la Senna che ghiacciata fomenta ingiuste parodie d’innocenza.

Se non smetto mi dissanguo.

Se non mi dissanguo crepo d’avarizia.

Prendere o lasciare: il gioco è fatto, le rime avute, il dado del cavallo al trotto è tratto e rifulge nella notte della nebbia dei portoni socchiusi.

 

(Finale )

 

Ciao, mon Breton che sbirci dall’Olimpo: ti ho conosciuto oggi, ti somiglierò mai?

Ti ingannerò per sempre, come l’attesa.

 

- Plin! -

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gabriella Vai, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Divino ardore (Pubblicato il 11/01/2018 22:18:17 - visite: 63) »

:: Aleph (Pubblicato il 11/01/2018 22:12:44 - visite: 72) »

:: Ardore (Pubblicato il 09/01/2018 22:17:07 - visite: 85) »