Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 171 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Oct 22 08:27:14 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Su coloro che amiamo in assenza

di Federico Zucchi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2018 23:39:17

Su coloro che amiamo in assenza

Con la sua
esausta pazienza
il tempo impone
il suo camice bianco
e fa nevicare ovunque
la terra si lasci spogliare.

Ma nulla ti impedisce
di confidare
più nell'orma
che nella risacca,
di prestare più attenzione
al confabulare di un sogno
nei pressi dell'alba
che all'azione erosiva
del vento sul nome.

Restano infatti gli spasimanti
dell'ombra a tenere le fila
degli amori distanti, restano
i cornicioni nascosti, la telepatia
dei lampioni notturni a farci
voltare in mezzo alla folla
al cospetto di una speciale
visione che ti porta
a sondare
l'eterno nel cuore.

Ogni grande amore è
un amore contemporaneo
e si alimenta da solo
nei sottopassi delle stazioni
nei banchetti di giugno
a cui non viene invitato,
nei parlatori alle due
del mattino, nei romitori
sul lungomare d'inverno
con il cielo che alberga
camerieri di luce.

Così si ravviva il fuoco
degli amori trascorsi,
così si dipana la storia
delle strade interrotte,
come antica promessa
rimasta più forte
di ogni scomparsa.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Federico Zucchi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Processo alla vita (Pubblicato il 13/11/2018 18:21:28 - visite: 57) »

:: Irripetibile presenza (Pubblicato il 07/11/2018 13:37:14 - visite: 67) »

:: Ultimi contro penultimi contro ultimi contro penultimi... (Pubblicato il 04/11/2018 18:16:55 - visite: 19) »

:: Settembre (Pubblicato il 29/08/2018 10:30:40 - visite: 166) »

:: Prima somiglianza (Pubblicato il 21/07/2018 21:02:36 - visite: 169) »

:: Presbiopia (Pubblicato il 20/07/2018 20:04:55 - visite: 125) »

:: Sua Maestà l’Infanzia (Pubblicato il 18/07/2018 17:55:38 - visite: 186) »

:: Amare con volto (Pubblicato il 12/07/2018 16:00:12 - visite: 111) »

:: Fuori portata (Pubblicato il 04/07/2018 18:36:04 - visite: 94) »

:: Abbellire il mondo (Pubblicato il 28/06/2018 17:00:05 - visite: 146) »