Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2018: CHERCHEZ LA FEMME
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 85 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Aug 5 01:02:04 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tracce

di Salvatore Armando Santoro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2018 23:58:22

Cosa troviamo in questo nostro mondo
dove convive tanta gente strana?
La strada è lunga ma si ricongiunge
ritorni sempre nella stessa tana.

 

Prendi l'aereo e fai un lungo volo
in circolo tu giri inutilmente
è vero, trovi a volte terre nuove
cambia anche il colore della gente.

 

Vedi sorrisi e pianti e drammi antichi,
in fondo cambia la pentola che bolle
ma il riso poi alla fine si coltiva
in mezzo all'acqua e tra le stesse zolle.

 

Pensi d'esser diverso, ti stupisci
del modo altrui nel fare e nel pensare,
ma in fondo se le usanze sono tante
con loro ti devi sempre confrontare.

 

Con te non porti né libro o mattone
il vero è custodito nel tuo cuore
solo l'amore si può conservare
e non puoi dire d'essere il migliore.

 

Salvatore Armando Santoro
(Donnas 12.1.2017 – 6,10)

 

La foto è tratta dal portale: https://ilcinefiloinsonne.wordpress.com

 

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto
 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Armando Santoro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Per Elisa (Pubblicato il 19/08/2018 00:36:45 - visite: 19) »

:: Una lacrima (Pubblicato il 19/08/2018 00:31:15 - visite: 18) »

:: Aveva le mani rugose (Pubblicato il 17/08/2018 10:47:02 - visite: 19) »

:: Anime smarrite (Pubblicato il 16/08/2018 13:02:32 - visite: 19) »

:: La notizia (Pubblicato il 14/08/2018 23:43:53 - visite: 20) »

:: Nuit rhénane - Notte renana (Di Gauillaume Apollinaire) (Pubblicato il 14/08/2018 23:41:25 - visite: 22) »

:: La fame (Pubblicato il 13/08/2018 09:10:16 - visite: 25) »

:: Le vecchie botteghe (Pubblicato il 13/08/2018 08:57:31 - visite: 16) »

:: Un papavero tra il cemento (Pubblicato il 12/08/2018 14:27:41 - visite: 17) »

:: Dispersa nel silenzio (Pubblicato il 12/08/2018 14:25:47 - visite: 12) »