Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1367 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jan 14 18:36:49 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Gli occhiali di Spinoza

Poesia

Daniela Monreale (Biografia)
Edizioni L’Arca Felice

Recensione di Marco Furia
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/08/2011 12:00:00

[con dipinti di Celeste Di Luca]


Geometriche passioni


Tra passione e geometria si svolge l’articolata raccolta “Gli occhiali di Spinoza”, di Daniela Monreale.

Viene da chiedersi: esiste tra le due uno spiccato dualismo?

La risposta della poetessa parrebbe affermativa, almeno a giudicare dal verso:

“ma solo l’Amore spezza i teoremi”.

Tuttavia

“Allora – mi dico – vorrei un piacere di geometrie”

attenua una dicotomia che, pur esistente, pare non escludere una composizione.

Le “geometrie”, dunque, possono essere fonte di “piacere”.

Un piacere disgiunto dall’amore?

La vivida affettività che attraversa l’intero testo non consente di propendere per questa tesi.

Il verso

“Essere nel silenzio”

è utile suggerimento.

Dal silenzio che non esclude l’essere emerge la lingua in tutti i suoi complessi aspetti: qualcosa di comune, perciò, anche tra elementi discordanti, è possibile riscontrare.

Siamo, insomma, di fronte a differenti fisionomie della natura umana.

Può la passione spegnere ogni razionalità o viceversa?

Forse in casi straordinari, ma non nella vita di tutti i giorni.

Razionalità e passione coesistono, convivono nei nostri gesti, nelle nostre parole: soltanto l’estraniarsi dalle vicende quotidiane, esercitando il pensiero in maniera slegata dai concreti contesti, consente l’emergere di una netta contrapposizione tra le due.

E se

“La poesia è il canale che collega finito ed Infinito.

Così si chiude il cerchio, a riunire due sorrisi”,

ciò può avvenire perché gli opposti sono “sorrisi” riuniti in un cerchio privo di fratture.

Un invito a comprendere, ossia a distinguere e includere nello stesso tempo, pare il senso profondo di un dettato poetico nato dall’intima esigenza di superare certe rigidità.

Siamo al mondo, viviamo: questo alla fine conta.

Certo, le distinzioni sono importanti, anch’esse fanno parte del nostro esistere, ma non dobbiamo cadere nell’errore di considerarle anelastici modelli.

Non meraviglia, perciò, la presenza di versi come

“Le mattonelle del pavimento

come soldatini in avanscoperta,

solcati senza pietà dalle macchine che a sera

portano a casa la malinconia

in un rombo diaccio di solitudine”,

ossia versi capaci di presentare oggetti ed emotività, “macchine” e sentimenti, distinguendo senza contrapporre.

Impegnata in riflessioni davvero feconde, precisa nel proporre pronunce la cui equilibrata musicalità a volte “s’increspa in scaglie di diamante”, Daniela convince per quel suo mirare direttamente al cuore del problema, per quell’accorgersi, con poetica sapienza, che mostrarlo è già molto e spiegarlo è impossibile.

Talvolta, pena cadere in espressioni prive di senso, occorre sapersi fermare, come lei.





« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »