Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 187 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Sep 20 19:00:21 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Come da copione

di Salvatore Pizzo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 11 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/03/2018 23:17:26

Come da copione i rami sono spogli

lasciando ogni cosa per quel che è:

scheletri in attesa di veste nuova

pelle vistosa.

 

Tutto quel che era da accadere

è accaduto o quasi, quel nulla

che ancora può succedere, è di là

da venire. Noi, sulla soglia di casa

 

diciamo ch'è il buio

a farci sparire oltre

la porta non appena

richiusa alle spalle;

 

diciamo ch'è la notte

a fagocitarci alla vista

adombrandoci figure

alla stregua di miraggi;

 

diciamo che ci siamo adagiati

sedotti dai fiori di gelo intorno

per poi volare in sonno

ammaliante la quiescenza;

 

diciamo che c'eravamo sbagliati

entrambi tra gli sbreghi, ombre

abbagliate nel richiudersi alle spalle

la porta ch'è inverno

 

come da copione.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 11 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Pizzo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Stracci d’agosto (ritratti) (Pubblicato il 16/09/2018 02:49:40 - visite: 74) »

:: Spill_ando umori (vietata ai minori) (Pubblicato il 06/09/2018 16:21:42 - visite: 293) »

:: Navigando d’intenti (Pubblicato il 03/09/2018 03:59:35 - visite: 59) »

:: Fulminea (Pubblicato il 27/08/2018 13:47:26 - visite: 70) »

:: Macerie (Pubblicato il 20/08/2018 03:31:19 - visite: 70) »

:: Di spalle (Pubblicato il 13/08/2018 13:46:50 - visite: 64) »

:: Abisso mare (Pubblicato il 06/08/2018 04:16:28 - visite: 93) »

:: Fratelli (Pubblicato il 27/07/2018 14:36:25 - visite: 80) »

:: Si dice che così si muore*** (Pubblicato il 21/07/2018 15:05:00 - visite: 109) »

:: Federico (Pubblicato il 16/07/2018 15:13:01 - visite: 85) »