Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 101 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Oct 17 15:26:09 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Concordanze

di Salvatore Armando Santoro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/05/2018 01:42:47


Nella foto: Le Centopietre di Patù (Lecce) e particolare della Chiesa di San Giovanni Battista.

Tu non sai questa sera quel che provo,
né che mi frulla in testa,
né i pensieri,
starai forse ridendo o stai cenando
ma a quel che penso no, non stai pensando.

Ma che m'importa in fondo
il tempo passa
cancella tutto il bello che c'è stato
cancella il bene
quello che hai mestato
neppure più l'amore ormai è restato.

Ma questa è una sera stravagante
due vecchie foto in rete oggi ho trovato
quanti ricordi tra tante vecchie pietre
la chiesa del Battista e quelle strade
percorse tante volte a notte fonda
la mente in un baratro sprofonda.

Ma adesso il cuore infine ha ragionato
le carte sul tavolo ha giocato
l'asso di spade la donna s'è mangiato
il cuore col cervello s'è accordato.

Salvatore Armando Santoro

(Boccheggiano 11.9.2017 – 21,58)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Armando Santoro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Gli indifferenti (Pubblicato il 18/10/2018 23:30:05 - visite: 10) »

:: Una penna esaurita (Pubblicato il 18/10/2018 23:27:20 - visite: 10) »

:: Patroclo è morto (Pubblicato il 15/10/2018 01:18:24 - visite: 21) »

:: Ho il vizio sulla pelle (Pubblicato il 13/10/2018 23:37:25 - visite: 25) »

:: Ad una nuvola appesi (Pubblicato il 13/10/2018 18:51:21 - visite: 23) »

:: La mia dolce puttana (Pubblicato il 12/10/2018 21:54:36 - visite: 44) »

:: Autunno 2018 (Pubblicato il 12/10/2018 16:39:27 - visite: 20) »

:: La fuga (Pubblicato il 12/10/2018 11:02:39 - visite: 16) »

:: Prossimo, vicino! (Pubblicato il 08/10/2018 01:03:41 - visite: 41) »

:: Turtle House (A Tiziano Terzani) (Pubblicato il 06/10/2018 05:10:58 - visite: 27) »