Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 81 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Oct 15 12:51:20 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Visioni mattutine

di Salvatore Armando Santoro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/06/2018 04:53:47

Stanotte mi son perso sul Vereto
e all'alba m'ha baciato un sole vivo
brillava in mezzo al bianco il mandorleto
ed il destino ancora maledivo.

 

Destino che impastò l'animo inquieto
ed il futuro ormai più non predico
vivo ogni giorno, cerco d'esser lieto,
che quanto ancor vivrò non so e non dico.

 

Paziente a questi giorni sopravvivo,
me li voglio gustar serenamente

e li vivrò con spirito giulivo

 

senza aspettarmi dal futuro niente,
m'abbraccerò sul colle al vecchio ulivo
che pace ognor regala alla mia mente.

 

E il cuore più non sente,
amor non prova, e più non maledico,
pace ora trovo al fresco del mio fico.

 

Salvatore Armando Santoro
(Donnas 10.6.2018 – 10,52)

 

- Sonetto caudato

 

Nella mia foto: il fico sul Vereto

L'immagine può contenere: nuvola, cielo, albero, pianta, spazio all'aperto e natura

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Armando Santoro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Gli indifferenti (Pubblicato il 18/10/2018 23:30:05 - visite: 21) »

:: Una penna esaurita (Pubblicato il 18/10/2018 23:27:20 - visite: 15) »

:: Patroclo è morto (Pubblicato il 15/10/2018 01:18:24 - visite: 21) »

:: Ho il vizio sulla pelle (Pubblicato il 13/10/2018 23:37:25 - visite: 27) »

:: Ad una nuvola appesi (Pubblicato il 13/10/2018 18:51:21 - visite: 23) »

:: La mia dolce puttana (Pubblicato il 12/10/2018 21:54:36 - visite: 44) »

:: Autunno 2018 (Pubblicato il 12/10/2018 16:39:27 - visite: 21) »

:: La fuga (Pubblicato il 12/10/2018 11:02:39 - visite: 16) »

:: Prossimo, vicino! (Pubblicato il 08/10/2018 01:03:41 - visite: 42) »

:: Turtle House (A Tiziano Terzani) (Pubblicato il 06/10/2018 05:10:58 - visite: 27) »