Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 70 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Sep 13 16:20:46 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Amare con volto

di Federico Zucchi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/07/2018 16:00:12

Amare con volto

Dicevano di amare l'intera umanità
ma quando un soldato nemico
si trascinò ferito nei campi
circostanti la casa,
si ricordarono di non sopportare
l'acustica del pianto non commestibile
e denunciarono l'infiltrato
all'Accademia della Crusca.

Dicevano di amare la pace
ma quando il pane divenne oro
al mercato nero della disgrazia
sollevarono cinte murarie
intorno ai granai, abolirono
la scorta alle colombe scorrette,
impararono a chiudere un occhio
e poi tutti e due, fino a sentirsi
martiri offesi in tutto
quel bianco.

Dicevano di amare l'uomo in generale
ma temevano il volto non epurato
la lacrima impropria
il sorriso delle salamandre
apparso nella pioggia ritrosa
la solitudine di un grattacielo
dentro un gomito di neve
la nuca di un vagabondo
sul prato all'inglese
l'alito cattivo di chi bacia
ogni giorno un rospo
che non si trasforma.

Uno a uno si può amare
un volto senza astrazione,
quegli occhi, quella voce,
il tatuaggio del sonno
sugli zigomi azzurri,
l'inestirpabile oscuro
che ogni frutto preserva.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Federico Zucchi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Piccola stella pilota (Pubblicato il 13/09/2018 17:08:17 - visite: 59) »

:: Settembre (Pubblicato il 29/08/2018 10:30:40 - visite: 77) »

:: Il canto impossibile (Pubblicato il 01/08/2018 21:28:22 - visite: 75) »

:: Stelle vere e presunte (Pubblicato il 27/07/2018 18:14:22 - visite: 119) »

:: Prima somiglianza (Pubblicato il 21/07/2018 21:02:36 - visite: 101) »

:: Presbiopia (Pubblicato il 20/07/2018 20:04:55 - visite: 82) »

:: Sua Maestà l’Infanzia (Pubblicato il 18/07/2018 17:55:38 - visite: 109) »

:: Ombra estiva (Pubblicato il 10/07/2018 16:31:15 - visite: 107) »

:: Non saprei dartene prova (Pubblicato il 06/07/2018 12:23:06 - visite: 134) »

:: Fuori portata (Pubblicato il 04/07/2018 18:36:04 - visite: 69) »