Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 109 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 20 12:10:13 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cosa tiene in piedi il mondo

di Federico Zucchi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/02/2019 15:10:21

Cosa tieni in piedi il mondo

Ci hanno provato in tutti i modi
a uniformare i volti, a livellare
i nomi, a transennare i corpi
a candeggiare ogni ombra
con la luce resa innocua.

Hanno confiscato terre
requisito passaporti
ritoccato i toponimi
delle strade secondarie,
hanno imposto
coscrizioni obbligatorie
per rendere accessoria
l'infinita differenza
delle storie sul crinale.

Oggi Google ci dice
che la morte sarà sconfitta
che la vita non avrà segreti
da serbare in fondo al cuore
che nella rete universale
il pesce palla e il pescecane
sono giocoforza equipollenti.

Ogni potere predispone
lo stradario più conforme
al suo sogno d'espansione
ma la bellezza cresce solo
fuori pista, nei giardini
non ancora rizollati
a corale prato inglese,
nella voce scarcerata
dal controllo capillare,
perché l'amore
è collisione
della lava nella neve.

E' la calura di agosto
che arrota la tempesta,
è l'innesco generato
da correnti ascensionali
a tenere il fuoco acceso,
è il canto controverso
di ogni essere nascosto
a salvare l'armonia
dal deserto che si staglia.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Federico Zucchi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Immensamente quasi felice (Pubblicato il 19/05/2019 15:50:47 - visite: 20) »

:: La siepe del respiro (Pubblicato il 17/05/2019 14:21:18 - visite: 24) »

:: Per non perdersi nel traffico (Pubblicato il 12/05/2019 08:56:35 - visite: 30) »

:: Che ti aspetti qualcuno (Pubblicato il 26/04/2019 22:21:22 - visite: 46) »

:: Tempo per perdere tempo (Pubblicato il 23/04/2019 16:08:32 - visite: 39) »

:: Notturno a Fossalon (Pubblicato il 22/03/2019 13:59:17 - visite: 109) »

:: L’arte di canticchiare (Pubblicato il 16/03/2019 16:33:48 - visite: 76) »

:: La solitudine oggi (Pubblicato il 17/02/2019 15:52:11 - visite: 129) »

:: Questo è il punto (Pubblicato il 03/02/2019 20:17:12 - visite: 120) »

:: La danza degli opposti (Pubblicato il 13/01/2019 10:24:12 - visite: 118) »