Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 40 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Oct 16 12:40:15 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ancora tastano stonati (perennemente in prova)

di Francesco Battaglia
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/10/2019 18:21:23

 

 

Ancora tastano stonati ...

 

Ma nessun tasto, vero?

Ancorati se ne stanno ad un dolente scoglio gelido questi che tu evochi ma non si sa in quale cavità continui ad urlare e certamente neanche tu sai chi vuoi evocare o peggio devi evocare. E, per cortesia, non tirare in ballo la solita tiritera sulla costrizione a farlo o peggio ancora predestinazione ché il tuo genio sappiamo bene a quali sozzi giochi si sia dato. 

 

Ancora tastano stonati ...

 

No, non c'è nessun tasto.

Provati ancora nel tuo perpetuo inutile nuotare in quella campana senza fondo che cresce assieme alla tua ombra, cara nera compagna di giochi. Tanto in questo tuo ostinato andare potrai ben vedere come le tue sirene una volta così premurose e vicine adesso si tappino vicendevolmente la bocca ad ogni tuo passaggio, e gli angeli già si turano le nari appena ti vedono incedere. Però, stando a voci di corridoio, pare che la tua ombra possa ancora prender parte alla feste di cui tu puoi solo ascoltare la musica attufata. La tua ombra si veste bene, si leva presto dal letto, si lava bene il culo, sa cantare correre scrivere partorire danzare, e qualche sirena dice anche che sa amare, amare bene sa la tua ombra. Tu sei mai riuscito ad amare?

 

Ancora tastano stonati ...

 

Ecco, e già non m'ascolti più.

Ma mi hai mai ascoltato piuttosto? Vedi? Tu mi odi, mi giudichi e pregiudichi e mai m'odi bene così da farmi sprecare voce e riflesso. Sì, ricordi bene la notte in cui rischiasti la schiena, ma se solo non avessi ceduto al sonno per ascoltarne ancora un poco di quei miei passi.

 

Ancora tastano stonati ...

 

T'intestardisci ancora canaglia, ma nessun tasto, vedrai.

Non m'hai ascoltato per tutto quest'eterno perpetuo secondo dov'apro la bocca solo per le tue orecchie. Sei troppo stupidamente intento ad incanaglirti nel ritrovare un qualche canto già annegato, vero?

 

Ancora tastano ...

 

Ebbene, inutile piangere sul verso versato e piantala finalmente di far lo smemorato per finta. 
Sai bene e m'azzardo a dire forse meglio di me come vadano presto sbiadendosi i tuoi versi nella partita a carte che tu hai voluto intraprendere. 

 

Ancora tasta ...

 

Colpa dell'amore allora vero?

Colpa della morte allora vero?

 

Ancora ...

 

Ho sempre ammirato quel tuo ghigno disperato divertito ammalato ammaliante come lento progredire verso l'inferno dove i tuoi piedi scarnificati avranno finalmente sollievo e congedo, sollevandoti dai tuoi versi ed incubi per vivere finalmente nelle fiamme del fuoco che t'ha sempre ipnotizzato. Continua ancora a ghignare accusando dolori al polso per veleni di versi, diversamente poi riderai finalmente con me ed il tuo diavolo ed il tuo angelo ed il tuo amato ed il tuo maestro ed il tuo parentame ed il tuo amico ed il tuo riflesso, sì, soprattutto riderai felice col tuo riflesso, entrambi vi scolpirete dolcemente il ghigno come due bambini che si tocchino vicendevolmente i nasi.

E le tue sirene torneranno a cantare litanie orribili a squarciagola e gli angeli torneranno a lanciarti piume di cormorani trucidati nel cielo dal

 

tuo dio defunto

che s'alza la veste quando ti vede

gloriandosi dell'enorme erezione -

 

"sono impiccato non vedi?" -

 

ed allora finalmente pianterai lì tavolo e carte

canti versi diavoli angeli fate streghe malattie

tentando allora finalmente l'amore

 

che non risponde

 

torna pure al tavolo

 

tu ed il tuo tu

 

in gioco v'è la vita

 

chi perderà allora

 

tra noi?

 

Ancora ...


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Francesco Battaglia , dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Francesco Battaglia , nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: potrebbe pure piantarla (Pubblicato il 16/10/2019 12:38:35 - visite: 9) »

:: potrei anche continuare (Pubblicato il 16/10/2019 12:35:51 - visite: 9) »

:: Posso salire? (Pubblicato il 01/10/2019 19:51:37 - visite: 44) »

:: Frammento s’una tovaglia (Pubblicato il 30/09/2019 16:23:22 - visite: 50) »

:: Balli umidi (Pubblicato il 23/09/2019 15:23:50 - visite: 47) »

:: (e)levarsi [mica poesia] (Pubblicato il 19/09/2019 11:12:03 - visite: 69) »

:: Blu (Pubblicato il 17/09/2019 15:01:39 - visite: 41) »

:: Pulizia (pretenziosa) (Pubblicato il 16/09/2019 15:41:31 - visite: 59) »