:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 18 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 152 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 11 22:06:20 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ladro di bugie

di Arcangelo Galante
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/12/2023 20:35:34

Tutto ebbe inizio in un sereno e apparente navigare dentro un virtual place assai frequentato, con la scoperta di limiti, già prefissati da colui che si sarebbe potuto definire un invisibile maneggiatore.

Tempeste poetiche e uragani di insulti, nell’oceano limpido del web, rendevano il soggiorno degli internauti talvolta pericoloso, qualora si tentasse di accedere alle frontiere confinanti, divenute col tempo invalicabili.

Non vi era alcun modo di conoscere la verità sul perché altri non dovessero sapere le decisioni di chi già le aveva stabilite in partenza, per tutti i neofiti.

L’importante era accumulare bottini di danaro, per poter pagare il silenzio di colui che, impavidamente, giammai si sarebbe preoccupato delle conseguenze di un’abusata virtualità.

A poco servivano blocchi, sospensioni, nascondimenti, nello scenario apocalittico che stava preannunciandosi, ma l’irremovibile manipolatore a nessuna istanza cedeva, perché solo lui era l’incontrastato padrone di una surreale dimensione che aveva conquistato.

Vane furono le lotte e i reclami di chi cercava, nei fondali, almeno una flebile spiegazione, e per comodità si lasciò temporaneamente campo libero a chiunque volesse entrare in quel fantasioso luogo, colmo di insidie nascoste.

Alieni presenze, finti profili, iscrizioni fasulle, gente priva di scrupoli, menzogneri, serpi di basso livello culturale, approfittatori, complici del signore assoluto di tutti i mari mediatici, facevano la loro parte, senza immaginare la fine che li attendeva.

Il ladro di bugie non guardava in faccia nessuno, poteva fare ciò che voleva e ciò soddisfava il proprio mercenario ego.

Persino gli ingenui, spinti dalla buona volontà nel credere a valori universali, si arresero dinanzi a questa figura che, con un solo dito, spazzava via tracce di preziose comunicazioni, dalla tastiera arbitrariamente occultate.

L’amarezza sostituì celermente la piacevolezza di fraterni scambi, perché tutti dovevano imparare a essere nemici, senza neppure accorgersene.

Sulla pelle, pagando un alto prezzo emotivo, un umile eroe, pieno di virtù, schiacciò il pulsante desiderato.

Tutto svanì e la nera nube si dissolse, per dare spazio a una creazione che, seppur tecnologicamente avanzata, giammai obliasse l’umanità dello scrivere.

 

N.d.A.: Nomi e fatti sono frutto di fantasia; ogni riferimento è puramente casuale.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Arcangelo Galante, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Arcangelo Galante, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Così fan tutti (Pubblicato il 13/07/2024 09:28:37 - visite: 13) »

:: Solo questione di fortuna (Pubblicato il 20/06/2023 20:16:54 - visite: 175) »

:: I missionari (Pubblicato il 06/06/2023 11:27:40 - visite: 158) »

:: La lattina (Pubblicato il 31/05/2023 07:25:21 - visite: 244) »

:: Un viaggio alquanto particolare (Pubblicato il 09/08/2020 10:36:12 - visite: 805) »

:: La regina del web (Pubblicato il 25/02/2018 18:26:34 - visite: 1022) »

:: Il cielo si infuria (Pubblicato il 14/01/2018 14:12:52 - visite: 1027) »

:: Le ali di un angelo (Pubblicato il 13/01/2018 07:26:42 - visite: 734) »

:: La scelta (Pubblicato il 13/10/2017 06:44:40 - visite: 1219) »

:: Improvviso aiuto (Pubblicato il 05/10/2017 06:49:13 - visite: 800) »