Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
"Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Intervista a Sara Galeotti, I classificata sezione B: Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 665 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Mar 30 20:43:41 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Lady Nausicaa

di Melissa Flora Pagnotta
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/03/2011 01:12:17

La sua antica storia riecheggiava da secoli nelle terre di Bretagna, e ad ogni crepuscolo il suo dolore sorgeva a nuova vita, impregnando quelle indifferenti mura di pietra, sua dimora per l’eternità.
Con il calare del manto notturno le stelle come burattini manovrate da una forza invisibile, danzavano e rischiaravano quell’oblio così profondo, radicato nella sua anima come fa un arbusto con la fertile madre terra.
Dai fiordi le urla del mare giungevano strazianti, partecipe alla grande tragedia, e il grande monte smeraldo sorgeva dalle nere acque, mostrando un silenzioso rispetto…Eccola.
Lei si materializza al nono rintocco della sera su quel balcone nero d’ebano…stringe in una mano il suo cuore infranto e nell’altra il suo fatale segreto.
Al principio il suo sguardo è dedicato all’orizzonte, ma negli attimi a seguire si rivolge malinconico alla luna e in un’atmosfera sognante il suo canto risuona nero e disperato tra gli angoli di cristallo e gli intonaci intrisi di rancore, trascinando con sé il suo immortale incubo d’amore…
Per lui, che in tempi lontani le rubò l’anima e dopo vane speranze l’abbandonò tra le braccia della solitudine, alla morte ha dedicato il suo ultimo canto, prima di gettarsi nel vuoto e dormire nei ricordi mortali…
Il suo spirito ora è schiavo del tempo, nel cui turbinio l’unico suo nutrimento è il risentimento e l’odio.
Al dodicesimo rintocco il suo canto s’interrompe e tutto tace.
Le sue lacrime dondolano sulla sua candida figura e chiudendo gli occhi si getta nel vuoto…in un istante si dissolve come fumo con la speranza di non risorgere al nuovo crepusocolo.
Nelle tenebre lei brama la luce. Giunge l'alba. Silenzio.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Melissa Flora Pagnotta, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.