Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Dove va oggi la poesia?#poesiapoeti

Argomento: Letteratura

di Francesca Luzzio
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/03/2014 11:34:04

                                                   DOVE VA OGGI LA POESIA?

 

 

 

Dove va oggi la poesia?

E’difficile dare una risposta a questa domanda.  Dopo lo sperimentalismo della Neoavanguardia e l’impegno ideologico degli anni sessanta e settanta, sembra calato il silenzio e  vige un costante imbarazzo da parte della critica di fronte a un panorama fluido, cangiante nelle tematiche e negli stili, ora legato ancora a moduli ermetici, oppure neoavanguardisti-sperimentali, ora a moduli molto filosoficamente elaborati. In tutti questi casi, la poesia presenta l’utilizzo di un linguaggio difficile, talvolta completamente destrutturato ed incomprensibile, che ha finito per allontanare il pubblico dei lettori dalla poesia contemporanea e, di conseguenza,  i grandi editori che, agendo inevitabilmente secondo la logica di mercato, non pubblicano ciò che non si vende.

 Neppure la ripresa delle strutture metriche della tradizione può risultare efficace, perché esse, se usate con rigore, sono comunque una remora all’espandersi dell’ispirazione artistica.

 Allora che fare affinché la poesia non continui a vivere nel limbo ?  Forse bisogna innovare il linguaggio perché parafrasando Pirandello ” il problema è tutto qui,  nelle parole”, ma non perché ognuno vi attribuisce il significato che vuole, secondo il relativismo gnoseologico del citato drammaturgo, ma perché  il lettore non le  comprende affatto sia nel sema specifico, quanto talvolta nell’irrelata disposizione logico-grammaticale che esse assumono nel verso.

Insomma è necessario tornare ad una lingua semplice, normale, ad una strutturazione grammaticale-sintattica logica, che rende fruibile ad una  prima lettura il senso generale della frase e dei versi, affidando la dimensione poetica dell’espressione alla musicalità delle parole, al ritmo, a sporadiche rime o quasi rime, a tropi  connotativamente rilevanti, ma facilmente decodificabili, per dirla in breve ad alcuni di quegli elementi retorici e metrici della  tradizione letteraria che rappresentano un’inesauribile ricchezza a cui bisogna attingere non in modo indifferenziato, ma gestendola adeguandosi alla realtà della comunicazione odierna.

A tal riguardo appare opportuno evidenziare, sebbene dovrebbe essere superfluo considerato quanto suddetto ,che “adeguarsi” non è detto nel senso di utilizzo del linguaggio iconico e mozzo dei messaggi telefonici, ma di non rinunzia  a quella oraziana medietà linguistico-formale che, pur non rinunziando a qualche “callida iunctura”, garantisca al verso la comprensione dei significati insieme al godimento estetico, caratteristiche che, secondo il nostro punto di vista, dovrebbero considerarsi gli elementi necessari perchè la poesia continui a d essere letta e riacquisti quella popolarità che la caratterizzava nel passato.

Per concludere, non si preconizza per la poesia un futuro di letteratura di consumo grazie ad un cannibalismo espressivo, ma di ripensamento della forma per favorire la  ricezione quasi immediata dei contenuti, dei significati siano essi espressione dell’interiorità individuale o della realtà storico-sociale che viviamo.

 

 

 

 

                                                                         FRANCESCA LUZZIO


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Francesca Luzzio, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Tragoedia (Pubblicato il 17/06/2015 13:25:23 - visite: 824) »

:: [ Letteratura ] Sulla poesia (Pubblicato il 17/06/2015 13:21:31 - visite: 405) »

:: [ Letteratura ] Roberto Maggiani, La bellezza non si somma (Pubblicato il 12/06/2014 12:07:47 - visite: 882) »

:: [ Letteratura ] R. Maggiani, La bellezza non si somma (Pubblicato il 12/06/2014 12:00:21 - visite: 870) »

:: [ Letteratura ] La funzione del poeta nella lett. del 900 ed oltre (Pubblicato il 18/06/2012 10:05:10 - visite: 10575) »

:: [ Letteratura ] Pascoli: dal nido alla nazione (Pubblicato il 23/04/2012 08:20:43 - visite: 6351) »