Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST: 10 luglio 1871 - 10 luglio 2019
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Manuel Paolino in un’intervista su L’idromele parte prima

Argomento: Poesia

di Manuel Paolino
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/08/2017 10:00:13

Manuel, ci parli del suo nuovo libro...

 
Quando decisi di dare vita ad un'opera che potesse racchiudere tutta la mia produzione poetica non avevo composto ancora gran parte delle liriche de "L'idromele", eppure sapevo che quel giorno prima o poi sarebbe arrivato. Ho voluto dare una forma liquida al libro, sia per riprendere il significato del titolo, impregnato com'è di una simbologia divina e poetica legata all'ispirazione, sia per mischiare al suo interno tutte le mie composizioni, proprio come se venissero immerse in un fluido, in modo da non offrire saldi punti di riferimento, ma anzi attribuire completa autonomia al lettore, a cui il libro si rivolge fin dall'incipit.
 
Qual è la testimonianza che quest'opera apporta alla realtà poetica?
 
Appare da subito chiara la metafora della bevanda degli dei madre della poesia che si dona qui come un liquido fatto di versi il quale si prefigge di dissetare il lettore. Ma non solo. L'idromele è un vero e proprio ricettacolo poetico, che testimonia l'evoluzione lirica ed estetica di un poeta che vuole trasmettere tutto ciò che ha visto, letto, appreso e sperimentato, attraverso il suo personale punto di vista sulla poesia e sul mondo. Un'opera che risalta uno sguardo mai sazio e lo fa mediante continui riferimenti ad autori, poeti, personaggi, luoghi; un libro nel libro, costituito anche da storie, reali o immaginarie, e dalla presenza di grandi maestri del passato, oltre che dalla continua ricerca poetica e della poesia, trasportata sulla corrente biografica dell'autore, che qui si snoda in multipli sentieri.
 
Perché "Parte Prima"? E in quali estetiche e tematiche si potrebbe trovare immerso il lettore leggendo le sue poesie?
 
Non potevo non dividerlo in due parti, su suggerimento della casa editrice Il seme bianco, e di Michele Caccamo, data la mole. Ed ecco che la "Parte Prima" si manifesta, con la sua magnifica copertina, come la prima metà della mia produzione. Certo, si tratta di un liquido ben definito anche se con una miriade di sfumature: non un mare, né un fiume, ma un liquido intenso, che stringe tra i suoi versi, in un naufragare, in attesa di una rivelazione. Ne consegue un'estetica, che muta, si evolve su uno stesso piano, segue il pensiero, le riflessioni del poeta: poesia pura, ermetismo, simbolismo, e poi ancora surrealismo, in seguito creazionismo e infine un realismo cosciente. E a tutto questo si mischiano, miti antichi e mistero, antichità e storia, religioni; una poesia di maledizioni e illuminazioni che spazia nel mondo e oltre.
 
 
 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Manuel Paolino, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Manuel Paolino, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Poesia ] Da Baudelaire alla poesia dominicana (Pubblicato il 28/02/2018 19:53:42 - visite: 246) »

:: [ Poesia ] L’idromele Parte prima - Recensione (Pubblicato il 25/09/2017 20:40:02 - visite: 332) »

:: [ Poesia ] Poe-tando (Pubblicato il 28/04/2017 19:26:36 - visite: 368) »

:: [ Poesia ] Floriana Porta - Dove si posa il bianco (Pubblicato il 22/03/2017 14:24:37 - visite: 303) »

:: [ Poesia ] José Manuel Glass Mejía (Pubblicato il 13/02/2017 19:47:24 - visite: 482) »

:: [ Poesia ] Antonio Fernández Spencer (Pubblicato il 13/02/2017 18:31:13 - visite: 404) »

:: [ Poesia ] Freddy Gatón Arce (Pubblicato il 13/02/2017 18:19:02 - visite: 454) »

:: [ Poesia ] Rafael Américo Henríquez (Pubblicato il 13/02/2017 14:19:23 - visite: 488) »

:: [ Poesia ] Manuel Llanes (Pubblicato il 13/02/2017 14:09:55 - visite: 389) »

:: [ Poesia ] Paesaggio creazionista (Pubblicato il 21/01/2017 19:29:15 - visite: 598) »