Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 55 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun May 19 02:46:16 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Le due forme di ascetismo

Argomento: Arte

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/02/2019 01:22:33

Non è possibile separare un'emozione o uno stato dello spirito dall'immagine che lo suscita e gli dà espressione. Il Mosè di Michelangelo, il Filippo secondo di Velasquez, il color porpora, un crocifisso, chiamano alla vita un'emozione o uno stato d'animo che svanisce con loro perché essi ne sono l'unica espressione possibile, e ciò accade per la ragione che nessuna mente è più preziosa e capace delle immagini che contiene. Lo scrittore immaginativo è diverso dal santo in quanto si identifica – a tal punto da trascurare la propria anima, ahimé! – con l'anima del mondo, e si libera da tutto quel che è impermanente in quell'anima: un asceta non riguardo alle donne e al vino, ma riguardo ai media e ai loro contenuti. Quello che d'altra parte nell'anima del mondo è permanente, le grandi passioni che agitano tutti e in ciascuno possiedono solo la breve vita ricorrente del fiore e del seme, è la rinuncia del santo, che non cerca un'arte eterna, ma la propria eternità. L'artista sta fra il santo e il mondo delle cose impermanenti, e nella misura in cui la sua mente avrà indugiato su ciò che è transitorio nel suo senso, su tutta quella «esperienza contemporanea e sulla discussione dei nostri interessi», vale a dire su ciò che non ritorna mai, come ritornano in ritmi cangianti il desiderio e la speranza, il terrore e la stanchezza, la primavera e l'autunno, quella sua mente diverrà critica, come distinta da quella creativa, e le sue emozioni appassiranno. Egli penserà di meno a quel che vede e più al proprio modo di guardare, ed esprimerà la sua ottica con una selettività e un'enfasi essenzialmente critiche. Il fine dell'arte è l'estasi risvegliata dalla presenza, dinnanzi a una mente sempre mutevole, di quel che è permanente al mondo, o dal ridestarsi di quella stessa mente nello stato d'animo delicatissimo ed esigentissimo che le è abituale quando cerca le cose che permangono e ritornano. C'è un po' di entrambe le forme d'estasi in ogni tempo, ma in questo noi possediamo una quantità esigua dello stesso impulso creativo, della visione divina, e una grande, del sogno del viandante perduto sotto la collina, forse perché tutte le vecchie, semplici cose sono state dipinte o scritte, e riavranno ancora un senso per noi quando una nuova razza o una nuova civiltà ci avranno fatto considerare tutto con un nuovo sguardo.

 

© Paolo Melandri (28. 2. 2019)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Avventura ] Il Brigante (Pubblicato il 28/04/2019 12:54:24 - visite: 16) »

:: [ Esplorazioni ] Storia della mia amica (Pubblicato il 28/04/2019 11:42:50 - visite: 16) »

:: [ Esperienze di vita ] Storie (Pubblicato il 25/04/2019 13:10:00 - visite: 16) »

:: [ Esplorazioni ] Il vero sentire (Pubblicato il 07/04/2019 12:17:50 - visite: 28) »

:: [ Storia ] Il nodo di Gordio 5 (Pubblicato il 21/03/2019 11:20:28 - visite: 50) »

:: [ Esperienze di vita ] Adagio (Pubblicato il 10/03/2019 13:25:38 - visite: 54) »

:: [ Società ] Sviluppo tecnico (Pubblicato il 28/02/2019 12:40:50 - visite: 66) »

:: [ Arte religiosa ] Arte immaginativa (Pubblicato il 28/02/2019 11:34:27 - visite: 55) »

:: [ Arte ] Arte e politica (Pubblicato il 17/02/2019 09:42:40 - visite: 72) »

:: [ Letteratura ] Il letto nuziale (Pubblicato il 08/02/2019 21:50:21 - visite: 65) »