Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 822 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jan 17 03:15:56 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

le pene dell’amore.

di Gianfranco Calvi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/03/2009 00:00:37

le pene dell’amore
23/02/2009

Ho intrapreso un lungo viaggio, mi ha portato lontano e pur non mi sono mai mosso da li.
Lì dove il mio cuore è rimasto solo
Quando credevo, di essere così lontano nei miei pensieri spingevano ricordi per affollare la mia mente, quanta tristezza.
E allora euforici distillati per annebbiare la mente, per non ricordare, per non piangere ancora.
Sono in affanno con la vita, prego Dio che mi tolga ogni speranza che faccia di me un animale privo di sentimenti, senz’amore, senz’anima.
Un animale che trova la morte in un’assurda lotta contro il destino, incapace di comprendere e di sentire. Non sa cosa perde o cosa trova vive di solo istinto senz’altre ragioni, non conosce Dio, non comprende le parole degli uomini: amore, odio, giudizio, speranza …
Volevo essere IO il centro del tuo universo, IO la ragione della tua vita, perché sono un egoista innamorato incapace di togliersi dal cuore il marchio dell’amore. Tutto il tempo di una vita sembra non bastare.
Il mio cuore è rimasto lì e sono stanco, molto stanco.
Dove sei angelo mio?
Se non sei TU chi sei?
Se leggi queste poche righe e ti ritrovi nelle mie parole, raggiungimi ti prego, perché ora sono qui, ma domani non so. Forse sarò immerso in un altro bicchiere perso tra i ricordi a piangere ancora e TU non ci sarai …

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gianfranco Calvi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gianfranco Calvi, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: ...e dal comò (!) (Pubblicato il 13/03/2009 00:10:38 - visite: 848) »

:: Vivere di certezze. (Pubblicato il 12/03/2009 00:28:10 - visite: 841) »

:: tributo alla Donna (Pubblicato il 11/03/2009 23:56:00 - visite: 695) »