Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 327 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Oct 8 12:44:14 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il fico d’India

di Gaetano Lo Castro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/05/2017 22:08:55

"Nella misura in cui vi aprite,

coglierete i frutti."

 

(Da un messaggio di Medjugorje.)

 

 

Una volta c'era un fico d'India.

Era una giovane cactacea composta da tre tenere pale. Si trovava nel giardino d'una casa di provincia con prospettiva sul mare e sul vulcano.

Nell'abitazione ci viveva un solingo scrittore. Scrittore almeno nella sua intenzione. Perché scriveva un po' di tutto, ma non riusciva a pubblicare un bel niente. Il suo scrivere non produceva frutti utili. Ciò lo portava a isolarsi sempre più, facendolo divenire ispido.

Come diversivo gli piaceva accudire al giardino. Prediligeva le piante grasse, in particolare il piccolo fico d'India. Il virgulto l'aveva raccolto presso la spiaggia e trapiantato in un angolo soleggiato del giardino. Era necessario soltanto annaffiarlo ogni tanto.

Col tempo esso crebbe e divenne una pianta alta e articolata, dalle pale piene di lunghe spine. Ma di fichidindia non si scorgeva manco l'ombra.

"Non devi abbatterti se sei infruttuoso." gli disse l'uomo toccandolo con accortezza.

La pianta senziente ne fu sollevata.

"Non è da tutti dare buoni frutti."

L'irto e grande vegetale provò un moto d'empatia per l'esile essere umano.

"È meglio accettare il proprio destino."

Lo scrittore decise di rinunciare alla scrittura. Avrebbe cercato altrove la realizzazione della propria natura. Il suo sguardo andò verso la vetta innevata innalzata nel cielo blu. Sentì nascere un desiderio d'ascesi.

 

Dispose con precisione l'ultima pietra lavica e quindi osservò con soddisfazione la propria opera appena terminata. Di fianco al fico d'India, nella nicchia di nera sciara, troneggiava la statuetta bianca e azzurra della Madonna coronata di stelle. Colse alcune rose, le mise in un vasetto pieno d'acqua e gliele depose dinanzi.

"Ora il nostro giardino ha la sua Regina!" disse entusiasta al fico d'India.

La pianta ne era contenta.

"È una sovrana che bisogna amare."

Il fico d'India ammirò la figura minuta e regale, riposta dentro la piccola grotta sotto le sue ispide pale. Gli ispirava tanta tenerezza.

"E che occorre omaggiare, non solo coi fiori, ma ancor più con la preghiera."

Si sedette sopra la panchina, si tolse dal collo la corona e cominciò a recitare il rosario. Contemplava Maria, il mare, il vulcano. Meditava i fondamentali interrogativi esistenziali. Sentiva emanare energia tutt'attorno dalla statuetta di Maria. Era come un fluire di linfa nutriente. Era come uno scorrere d'ispirazione trascendente. Ebbe l'impulso di trascrivere tutto. Concluso il rosario corse in casa, prese il computer portatile, lo pose sul tavolino vicino alla Madonnina e con gran lena iniziò a scrivere.

 

"Complimenti, hai fatto tanti bei frutti!" disse lo scrittore al fico d'India.

La pianta n'era fiera. Le sue pale prive di spine erano piene di grossi frutti rossi. Usando un guanto l'uomo ne spiccò un poco e li sbucciò.

"Sono molto dolci." disse assaggiandone uno.

Si sedette sulla panchina e con compiacimento aprì il proprio libro appena pubblicato.

"E adesso ti faccio gustare la mia prima opera. Spero davvero che ti piaccia."

Lo scrittore si distese comodo e prese a leggere al vegetale il suo romanzo mangiando fichidindia, occhieggiando sovente con letizia Maria.

La quale sorrideva con soavità.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gaetano Lo Castro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gaetano Lo Castro, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Il ponte dell’arcobaleno (Pubblicato il 07/09/2019 21:53:49 - visite: 51) »

:: Il pupo (Pubblicato il 09/06/2019 10:33:59 - visite: 72) »

:: Nell’alto dei cieli (Pubblicato il 04/04/2019 15:43:43 - visite: 131) »

:: La chiave della biblioteca (Pubblicato il 14/12/2018 13:51:37 - visite: 191) »

:: Occhi e cuore (Pubblicato il 07/06/2018 22:05:17 - visite: 140) »

:: La caverna (Pubblicato il 13/01/2018 21:19:40 - visite: 269) »

:: L’airone bianco (Pubblicato il 20/12/2017 12:52:44 - visite: 310) »

:: Pace (Pubblicato il 10/11/2017 16:04:06 - visite: 299) »

:: Il sole e il nero (Pubblicato il 09/09/2017 15:51:54 - visite: 288) »

:: Il falco pellegrino (Pubblicato il 30/05/2017 17:10:16 - visite: 315) »