Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 113 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 25 23:40:18 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ortodossia

di Luca Gamberini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/02/2020 16:57:12

Ci sono notti che le passerei a scrivere di tutto il male e il disagio, ma non so se ne trarrei beneficio nel lasciar sfogare il mio spirito malvagio. Nel rating della vita mi sono proprio oggi declassato, salvare la mia anima dal fallimento equivarrebbe ad un original peccato. Eppure si respira già aria di primavera e tutti i giorni al mattino mi dico cose che neppure arrivano a veder la sera. Di questa vita sono un mendicante, incapace di far male a fiori e piante, figuriamoci poi se prenderei mai a calci un cane o un qualsiasi altro animale, che pure io son da cortile, puoi scegliere se farmi vivere nella stalla o nel porcile lasciandomi a ingrassare di parole. Son venuto fuori male da quel buco, e chissà cosa ho perduto, cosa mi sarà caduto il giorno del mio primo trasloco, che mi sentivo come olio travasato con l'imbuto che si rovescia quasi tutto e ne rimane salvo solo un poco. Fossi stato un aborto so, per esperienza accumulata, che non avrei mai avuto torto, me ne sarei stato comodamente seduto a guardare l'uno che sentenzia all'altro di essere un anticlericale mentre mi dondolo aggrappato a quel cordone che non sono in grado di tagliare. Quando mi metto a nudo mi scambiano spesso per pesce crudo, duro uno, due, tre giorni, poi divento nauseabondo e riprendo così il mio cammino nel disilluso mondo e i suoi dintorni. Abito fisicamente un nulla, imbandito di apparizioni teatrali prive di sipario, non ho mai recitato tenendomi aggrappato ad un Rosario, come fanno certe maschere tra le più comuni, le quali sussurrano per ore tutto quello che non son mai riusciti a fare, se non quel farsi benedire. Lessi tempo fa che gli adulti con scoliosi incorporata nascondono un dolore profondo nella schiena: se allunghi loro la colonna gli si blocca il respiro, rimangono senza fiato poiché nel gibbo vi è una energia ristagnante, ma basta poggiarci sopra le mani ed ascoltare, attendere, e tutto guarisce da sé, ma solo se lo si vuole veramente si può fare, questo. Che scriverei ancora per ore, ma so che così facendo mi farei solo ulteriore male, io non ho una via di scampo e nemmeno posso consolarmi riconciliandomi tramite uno shampoo, sento di essere una persona la quale vive dentro a un corpo che non gli appartiene, di chi sono queste vene? Come mai procuro solo pene? Un tempo ero figlio del gioco, grande privilegio, ero padrone della mia libertà, ero bilancia della mia leggerezza, su di me soffiava sempre una dolce brezza, ora sono figlio di un giogo che trascina stanco il proprio carro di pensieri tribolati, i quali mica se ne stanno in fila ad uno a uno in attesa di essere affrontati, ma si divertono a restarsene ammassati uno sopra l'altro tanto che ormai ci hanno preso l'abitudine a vivere incastrati, come tante cianfrusaglie di bigiotteria che mica ci capisci quale sia la mia e quale sia la mia. Scrivere fa bene, se fossi convinto del contrario non starei certo qui a marcire, in attesa del divenire, che suonato da Einaudi un po' di pelle d'oca, ammettilo, la fa venire. Devo mettermi a cercare lo spartito, e smetterla di mangiare la marmellata con il dito, è molto meglio col cucchiaio, che magari mi ci deglutisco perfino qualche guaio, di quelli ancora da arrivare, perché al peggio non c'è mai fine, e il meglio si presenta, a volte, esclusivamente sotto forma di parole. Quante volte mi son sentito dire che le mie parole fanno male, tremendi esseri capaci di cancellare, con dodici battute, decine di gesti dalla nitidezza esemplare. Sarà per via che mi incontro due, tre volte al mese con un signore cupo e schivo il cui nome è Cesare Pavese, mi siedo ad ascoltare cosa dice nel silenzio di una stanza come fosse il destino ad imporlo dentro me, a fare sì che di comprenderlo non ne abbia mai abbastanza. Ci sono notti che le passerei a dormire, sono quelle che più mi mancano, le meno avare, le più chiare, figlie di saggezza popolare, che se ci pensi bene, sì dico a te lettore che sei riuscito fino a questo punto ad arrivare, dicevo se ci pensi bene quante sono le notti che ti conducono all'alba? Non barare! Saranno sempre un numero che può permettere addirittura ad un analfabeta di riuscirle a contare. Non è mica facile rimanere svegli ad ascoltarsi, ed è comunque insano, i bambini dormono la notte, e sono loro l'esempio da tenere sempre sotto mano, è che spesso il personaggio che abbiamo scelto di essere non corrisponde all'inconscio disinnescato nelle nostre viscere e che di colpo ci obbliga a fermarci, ad ascoltare quella voce interiore, l'unica in grado di aiutarci a discernere il bene dal male. Se non ascoltiamo il nostro inconscio, a divenire o tornare quei bambini giocosi, curiosi, cinici, intransigenti, beffardi, sensibili, presenti, arrendevoli allo stupore, all'incanto, non potremo mai essere felici.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Luca Gamberini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Luca Gamberini, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La pianura (Pubblicato il 04/01/2018 11:46:53 - visite: 307) »

:: Dopo scena (Pubblicato il 24/11/2017 22:10:34 - visite: 446) »

:: Agnello di Dio (Pubblicato il 23/03/2016 16:58:52 - visite: 542) »