Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 47 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jul 5 07:56:30 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Visse sulla terra un filosofo

di Carlo Tontini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/06/2020 19:04:36

Visse sulla terra un filosofo che disse che non esiste linguaggio privato. Ovvero, almeno secondo alcune delle interpretazioni più diffuse della sua teoria, che ciò che si dice non esprime gli stati mentali di chi parla, ma è semplicemente un’attuazione di certe pratiche sociali che si eseguono attraverso il linguaggio. Dire che si prova un dolore ad esempio non equivarrebbe all’esprimere una sensazione, ma al partecipare a un gioco in cui le mosse delle pedine siano frasi e parole pronunciate. Chi parlasse da solo sarebbe allora come chi girasse intorno alla scacchiera, muovendo sia i pezzi bianchi che quelli neri, sfidando sé stesso a chi è più abile. E chi tra sé e sé conducesse un lungo monologo per schiarirsi le idee sarebbe una sorta di schizofrenico perché, non esistendo linguaggio privato, non si potrebbe parlare a sé stessi senza almeno sdoppiarsi. Va da sé che secondo questa teoria non esiste coscienza pensante che non sia un’illusione di non essere soli anche quando lo si è e, siccome questa teoria, per quanto arguta, non offre argomenti a riprova del fatto che, anche in solitudine, la gente pensa, parla, e prova sensazioni, porta chi la accetti a credere di non esistere come uno. Chi la accetti dovrebbe cioè, se si attiene ad alcune semplici regole deduttive, ammettere di non esistere affatto oppure di non essere mai solo. Dato che poi è difficile a tutti convincersi di non esistere, se non altro perché, come un altro filosofo disse, già il domandarsi di esistere prova la propria esistenza, è molto più diffusa, tra chi accetta la non esistenza del linguaggio privato, la credenza di non essere mai soli.

Fatto degno di riflessione è poi che questo stesso filosofo, quello della non esistenza del linguaggio privato, in altri luoghi della sua produzione intellettuale, sostenne il solipsismo. Ovvero la tesi secondo la quale, dato che non ne è dimostrabile l’esistenza, non esisterebbe la mente degli altri. Secondo l’interpretazione più diffusa di tale inquietante pensiero, saremmo al mondo completamente soli e tutti gli altri a cui attribuiamo una coscienza sarebbero solo dei corpi parlanti privi di mente. Questa tesi, sicuramente più della non esistenza del linguaggio privato, è facilmente supportabile da comuni esperienze quotidiane. Chi mi dice ad esempio che chi risponde alle mie domande non faccia lo stesso di un distributore automatico che in cambio di una moneta mi dà una merendina? Forse dovrei attribuire una coscienza anche a lui? Secondo questo pensiero allora o tutto ha una mente ed una coscienza (ed è questa una tesi che sta prendendo piede) o nessuno ce l’ha. Ma cosa ci dà motivo di attribuire mente e coscienza a qualcosa o a qualcuno? Nessuno naturalmente dubiterebbe del suo essere cosciente. Se dubiti di essere cosciente è già questa una prova che lo sei. D’altra parte risulta impossibile provare a qualcuno di dubitare di qualcosa, ed allora si può anche urlare come dei disperati nel tentativo di provare la propria presenza, ma nessuno, se non per un atto di fede, potrà mai credere nella coscienza d’un altro, e quindi d’avere un compagno di viaggio in questo magma d’enigmi in cui assorti si vive.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Carlo Tontini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Carlo Tontini, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Ecumene lontano (4) (Pubblicato il 05/06/2020 12:38:55 - visite: 56) »

:: Ecumene lontano (3) (Pubblicato il 30/01/2016 13:53:38 - visite: 486) »

:: Ecumene lontano (2) (Pubblicato il 30/01/2016 13:28:18 - visite: 412) »

:: Ecumene lontano (1) (Pubblicato il 30/01/2016 13:13:43 - visite: 340) »

:: Il mondo in un sushi-bar (Pubblicato il 29/01/2016 21:28:55 - visite: 448) »

:: Quattro cristiani e un musulmano (Pubblicato il 15/10/2014 15:30:18 - visite: 482) »