Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Il mio appello di Natale

di Lorena Turri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/12/2013 15:52:00

 

Chi troppo ha amato e troppo ama è inesorabilmente condannato alla solitudine e all'abbandono. Perché chi ama, dedicandosi alle persone amate con tutto se stesso, annulla la propria vita, la rende al servizio altrui e non sente il sacrificio né il peso fintanto che ha la forza fisica o quella psicologica per continuare a dimostrare, dando, tutto il suo amore. Quando le forze vengono meno, per moti...vi di salute, per forte stress, per situazioni disagevoli, e si volge verso quelle persone amate per chiedere un aiuto, allora trova il vuoto. Questo perché, gli altri, abituati a quell'amore e a quella dedizione lo credono infallibile. Interpretano il cedimento, non come un fatto patologico, ma come una ribellione, una cattiveria nei loro confronti. Non capendo, abbandonano. E non si curano di chi li ha sempre amati e non riconoscono l'amore che è stato loro dato.
Non sarà mai Natale per queste persone rimaste sole con se stesse con il paradossale rimorso di avere solo amato.
L'amore, il sentimento più divino, si ritorce contro di loro come una condanna e si trasforma in un antro buio di depressione.
E' vero che l'amore non pretende nulla in cambio, tantomeno amore. Si ama incondizionatamente e a prescindere. Però è dovere civile e sociale non abbandonare nemmeno un animale, figuriamoci un essere umano.

NON ABBANDONATE LE PERSONE CHE VI AMANO O CHE VI HANNO AMATO. SIATE QUANTOMENO RICONOSCENTI. PORGETE LORO UNA MANO. NON PRETENDETE.

E' il mio appello di Natale.

Cercate di com-prendere le loro sofferenze e aiutatele ad uscirne.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lorena Turri, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Al bagno Pesce d’oro (Pubblicato il 13/08/2015 14:52:33 - visite: 573) »

:: Premio di Poesia La Leonessa città di Brescia (Pubblicato il 10/08/2014 16:34:04 - visite: 1625) »

:: Tendere all’infinito (Pubblicato il 01/06/2014 11:23:40 - visite: 841) »

:: Scrivere (Pubblicato il 24/03/2014 09:01:40 - visite: 854) »

:: Maltusiano natalizio (Pubblicato il 08/12/2013 14:16:40 - visite: 865) »

:: Pensavo... (Pubblicato il 16/10/2013 09:55:34 - visite: 923) »

:: Amorevolezza (Pubblicato il 06/04/2013 18:34:56 - visite: 1060) »

:: Alberi (Pubblicato il 06/04/2013 18:31:20 - visite: 891) »

:: -Anagrammandomi - non potendo commentare- (Pubblicato il 19/01/2013 15:50:00 - visite: 1201) »

:: Maltusiani pensieri (Pubblicato il 19/01/2013 10:40:19 - visite: 1125) »