Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

20 agosto 2018 verso Marradi

di Francesco Battaglia
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/10/2019 13:15:54

 

 

Solite ammuffite idee ma certo sempre attuali perché vanno con l'uomo.

V'è al di là? Vita dopo la morte?

Appena il pensiero tenta di ragionare sull'enigma ecco che viene precipitato nella cantina più nera ed estirpato dagli occhi. Non ci è concessa la morte, in un certo senso. Posso azzardare a dire: tutto quello ch'è stato scritto sulla morte non è altro che manifesti. Maschere rassicuranti quanto aberranti. Cristianesimo ed altre che vorrebbero risultare vuote e nere, come l'ateismo. Ma ogni idea umana, inevitabilmente, non raggiunge quest'Immobile Onnipresente, questa morte, e già quest'ultima parola l'è morta dopo secoli e secoli di pensatori, teologi, filosofi, pazzi, scrittori, morti. 

Nietzsche nega l'al di là, imputando al cristianesimo la colpa d'aver contrastata la natura. E morte fa parte di natura. Quindi allora solo questo? Solo vagito e spiro? Solo una piatta linea che dal nascituro va al morto? Cosa divertente è sempre stata questo nascere, ché si nasce tutti alla stessa età - alcuni ritardatari, certo, potreste contraddirmi voi, vero, snocciolando ragionamenti su differenze di mesi, quindi allora mi trovo costretto a cambiare postulato:

tutti si nasce neonati ma certo non tutti si muore vecchi. 
E certo che a tutti non è dato nascere ma a tutti è dato morire. 

Quindi - e già il mio pensiero s'è dato - bisogna togliere ogni maschera - morale, religione, filosofia - al volto straripante della natura, ossia delle verissima reale realtà per poi poter rinunciare all'idea d'altrove post-morto? O solo così verrà ammazzata la morte o per meglio dire: il pensiero, riuscirà a raggiungerla per intervistarla? Alla morte intendo. 

Che poi realtà, religione, natura, etc ... altro non sono che parole che sul foglio si livellano spesso, ossia cane è mano come dio è ano. 

 

Morte può morire se lo scrivo.

Vita può vivere se lo scrivo. 

Amore può amare, amarmi se lo scrivo. 

 

Scrivo soltanto per giocare con tutte le verità, pur se menzogne le trovo buoni giocattoli d'alchimia. Roba con cui mi ci posso insozzare le mani.

Buffone è colui ch'uccide morte, vita, verità, amor'e dèi colla punta di lingua. 

 

Scrivo per vivermi.

Scrivo per morirmi. 

Scrivo per amarmi.

Scrivo per divertirmi.

Deridermi. Ridermi. 

 

Come chiosò in canzone Palazzeschi:

 

"E lasciatemi divertire"

 

 

 

 

20 agosto 2018, in treno per Marradi


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Francesco Battaglia , dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.