Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
21 marzo - Giornata Mondiale della Poesia: La Poesia, i Poeti #poesiapoeti »
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1100 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Mar 19 18:17:58 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dove non ha più coraggio il buio. Dove non può

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/06/2013 01:51:15

A volte ho fretta di andare via. Premura

Per aspettarti al principio della scala

Dove non ha  più coraggio il buio

Dove non può. Mi farei trovare

Nel punto che ogni notte il sogno

Mi concede sulla costa la montagna

Che ti spera. Nudità dell’anima

Sotto il frutteto

Nello splendore trattenuto che combacia

Nell’aria che appena osa respirare

-Appena un fiume-.  Mi raggiungi madre

E sposa, quando ti perdo nel risveglio

Per lasciare spazio al seme

D’intrecciare l’umano col divino

Dentro cui la giornata ancora cade

Prima del sonno. Di una bellezza

Indicibile a noi stessi : una piccola

Costruzione di mattoni bianchi e legna

Per l’inverno.  E’ l’ora che torno via

A sedermi sulla tavola senza pranzo

E batto coi talloni i bordi della sedia

Segnando il tempo che mi manchi

Da quel mare illimitato - sguardo

Di un nativo che dipinge i nostri volti

Che risale l’acqua Che s’annuncia nella pioggia

Con tutti i nomi della Luce : Adam-

Fino al sangue degli occhi la tua sposa

Dema  –tu le chiami lacrime-

A immagine del cielo

Dove non ha più coraggio Il buio

Dove non può

Col viso che s’innalza

Rivolta dalla stessa parte

Mi troverai con Noi

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 132) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 125) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 132) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 202) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 114) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 127) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 253) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 241) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 350) »

:: Noi (Pubblicato il 31/05/2018 01:11:06 - visite: 231) »