Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 89 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 25 04:42:54 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Avevano deposto il corpo del Signore

di Gil
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/04/2019 11:07:04


Avevano deposto il corpo del Signore,
lo avevano finalmente sciolto dalla Croce, schiodato
senza dolore delle membra consegnate alla morte. I più assidui,
tra coloro che gli vollero bene,
ne raccolsero i resti, per alcuni
la sconfitta di un sogno. Fu notte
e fu mattino. Dal sepolcro vuoto
venne ad abitarci il Mistero, privo
di chiare ragioni per quel Giorno
che non risolvette del Grido il prima
né spiegò con i numeri il dopo. Tutti
si chiamarono per nome, per chinarsi
ad ammirare quel Vuoto che divenne
specchio perfetto dell'Amore, Luce
dove il divino incontrò - e fu per sempre - l'umano.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gil, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gil, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Se non impariamo (Pubblicato il 02/06/2020 19:33:23 - visite: 31) »

:: Della ruota e dei perché sottostanti una scrittura (Pubblicato il 01/06/2020 10:40:41 - visite: 28) »

:: Di trattenuta voce (Pubblicato il 31/05/2020 17:36:14 - visite: 20) »

:: La tenerezza delle mani (Pubblicato il 30/05/2020 18:47:06 - visite: 30) »

:: Non chiedermi (Pubblicato il 30/05/2020 18:41:51 - visite: 24) »

:: Del legno la stessa voce (Pubblicato il 26/05/2020 20:58:52 - visite: 31) »

:: L’ombra ferente (Pubblicato il 23/05/2020 17:57:47 - visite: 29) »

:: Eri tu (Pubblicato il 17/05/2020 08:02:18 - visite: 43) »

:: Labbra straniere (Pubblicato il 16/05/2020 18:29:37 - visite: 32) »

:: Un nome (Pubblicato il 14/05/2020 15:23:41 - visite: 88) »