Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
27 gennaio 2020: #GiornoMemoria | Viaggio senza ritorno
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 88 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jan 26 07:56:50 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’uomo che scavava dentro l’abisso

di Gil
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/11/2019 16:42:05

 

                                                                                        A Salvatore Pizzo

 

 

 

L'uomo che scavava dentro l'abisso

di una teoria di respiri, scavava

riportando tra le mani ferite

piccole scaglie di luce. Egli

 

era solito attraversare il buio con il fiato in gola

e non misurava se non con gli occhi la distanza

tra lui noi e le stelle. L'uomo portava con sé

 

un canto nella carne del cuore e gli premeva sull'anima

un suono sottile, simile al lamento d'un esule lontano

che guarda la terra natia negli occhi di un amore,

 

foss'anche lo sguardo d'un cane randagio

nella solitudine d'un poeta. L'uomo

sapeva con la pelle la voce degli ultimi, la sapeva

fin dentro le fibre della propria carne, la sapeva

 

fino ad udirla nascosta

nelle ombre dei lembi di cielo, quando

le ore d'autunno presto diventano cera

 

d'un altro giorno andato perduto per sempre.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gil, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gil, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: L’uguaglianza di ogni identità #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2020 20:38:44 - visite: 14) »

:: Pietre (Pubblicato il 24/01/2020 15:54:07 - visite: 20) »

:: Sortilegi (Pubblicato il 23/01/2020 07:52:57 - visite: 21) »

:: La forma nello specchio (Pubblicato il 22/01/2020 14:18:59 - visite: 22) »

:: Parliamo dei frutti (Pubblicato il 22/01/2020 14:10:13 - visite: 18) »

:: Quando vieni con la tua nudità (Pubblicato il 20/01/2020 13:52:05 - visite: 28) »

:: Ci siamo arresi (Pubblicato il 20/01/2020 13:46:05 - visite: 24) »

:: Il dramma di ogni nascita (Pubblicato il 18/01/2020 15:08:23 - visite: 40) »

:: Le mie ginocchia si consumano (Pubblicato il 17/01/2020 13:58:28 - visite: 47) »

:: Nel gioco della vita (Pubblicato il 16/01/2020 16:41:25 - visite: 30) »