Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 491 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jan 21 21:40:24 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Epic of Israel - Epopea di Israele

di Franca Colozzo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/11/2019 18:59:55

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto

 

 

EPIC OF ISRAEL

 

The war song rises of a soldier...
On the esplanade of the mosques
hiss the thrown stones.
It does not stop in the air
the Intifada,
takes your breath away from the crowd
among black people at דשק dashek,
crow's wings,
amind moans and blood.

Israel weeps,  

not for the Palestinians

so oppressed,

but for its past

in Nazi camps.

Dragons parade,
the unicorn was lost in the air.
It is kneaded by sadness
every face...
As one silent mask
Hell advances.

 

But inside the soul you don't play,
only desolate songs arise,
Screams and bewitched
on the esplanade
of the children of Israel,
on the esplanade
that links the peoples
by destiny forged:
Jews, Muslims, Christians,
stripped of their centuries-old roots,
tired of blood.

 

Did God want this?
This slaughter of human bones,
of ruthless executioners?
This is what that God wanted,
that the face hid in the sky
and disappeared forever.
from Earth?

In the name of God
how brutal things!
So many evils!
But who invented
this cruel God?
Who sacrificed lambs
for such a demon?
What a cowardice!

 

Poor man, in the name
of an unseen God,
kills another man,
who touches with his hand
and commits suicide in the mud
from which he was taken off.
from which,
you little clay man
have been generated. 

The singing gets stronger,
a knot to the throat,
a hoopoe screams,
the night is near.


Wake up, O man!
Wake up and march,
don't arrest yourself!

In the name of who,

of what did you kill?
I mock fate
who chose you as ruler,
experiment of a God
who forged you.
He kneaded your limbs with mud,
but of your animal nature
He didn't forgive memory,
He didn't remove
the previous poisonous snake.

 

Wake up, O man!
Follow the path of the soul
that you've lost in the meanders
of time, of soul won by fire
of the Hell.
You, who from the underworld,
every day go up again
to bring dissension to the Earth.
Drink the bitter chalice,
now that you have the knowledge,
emerge from the bottom of the well
and cleanse your limbs,
now that you know!

By Franca Colozzo

 

L'immagine può contenere: 1 persona, cielo, nuvola e spazio all'aperto

 

 

              §§§§§§§

 

 

EPOPEA DI ISRAELE

 

S’alza il canto di guerra

     d’un soldato…

Sulla spianata delle moschee

sibilano le pietre lanciate.

Non s’arresta nell’aria

 l’Intifada,

toglie il fiato la calca

tra i neri דשק dashek,

    ali di corvo,

tra gemiti e sangue. 

 

Piange Israele,

non per i Palestinesi oppressi,

ma per il suo passato

nei campi nazisti.

Sfilano draghi,

s'è perso in volo l’unicorno.

Di mestizia è impastato

ogni volto… Come un’unica

maschera silente avanza

  l’Inferno.

 

Ma dentro l’anima non suoni,

solo canti desolati si levano,

 urla e strepiti

sulla spianata dei figli d’Israele,

sulla spianata che lega i popoli

dal destino forgiati:

ebrei, musulmani, cristiani,

spogli delle radici secolari,

stanchi di sangue.

 

Voleva questo, Dio?

Questo macello d’ossa umane,

di rituali, di carnefici spietati?

Voleva questo quel Dio

che la faccia nascose nel cielo

e scomparve per sempre

dalla Terra?

In nome di Dio

quante efferatezze!

Quanti mali!

Ma chi ha inventato

questo Dio crudele?

Chi ha sacrificato agnelli

per un tal demone?

Che viltà! L’uomo,

in nome di un Dio mai visto,

uccide un altro uomo,

che tocca con mano

e si suicida nel fango da cui

è stato generato,

piccolo uomo d’argilla!

  

Il canto si fa più forte,

stringe un nodo la gola,

grida un’upupa,

la notte è vicina.

 Svegliati, o uomo!

Svegliati e marcia,

non t’arrestare...

In nome di chi, di cosa

hai ucciso?

Beffardo il fato

che a dominatore t’elesse,

esperimento d’un dio

invasato che ti forgiò.

Impastò di fango le tue membra,

ma della tua natura animale

non perdonò la memoria,

non corresse la morsa

velenosa del serpente.

 

   Svegliati, o uomo!

Percorri il sentiero dell’anima

che hai perso nei meandri

del tempo, dell’anima vinta dal fuoco

dell’inferno, tu che dagli inferi

ogni giorno risali

a portar zizzania sulla Terra.

Bevi il calice amaro,

ora che hai la conoscenza,

riemergi dal pozzo fondo

e purifica le tue membra,

ora che sai!

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Franca Colozzo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franca Colozzo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: L’anno che verrà - The coming year (Pubblicato il 04/01/2020 21:56:58 - visite: 302) »

:: Quale Natale? What kind of Christmas? (Pubblicato il 22/12/2019 00:44:30 - visite: 397) »

:: Scampoli di Novembre (Pubblicato il 06/12/2019 20:45:12 - visite: 343) »

:: Mare nostrum (Pubblicato il 30/11/2019 23:02:26 - visite: 322) »

:: In memory of Gloria (Pubblicato il 23/11/2019 19:11:36 - visite: 133) »

:: Torcello (Pubblicato il 22/11/2019 22:10:27 - visite: 88) »

:: Torcello (Pubblicato il 18/11/2019 13:02:07 - visite: 358) »

:: Pozza di Sole - Sun Pool (Pubblicato il 01/11/2019 23:39:45 - visite: 324) »

:: Alice and the carob tree - Alice e l’antico carrubo (Pubblicato il 27/10/2019 01:58:42 - visite: 250) »

:: Il fantasma biondo - The blond ghost (Pubblicato il 25/10/2019 23:20:21 - visite: 291) »