Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 67 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 30 09:24:00 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il faggio torna a rinverdire

di Marina Pacifici
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/04/2020 10:35:14

Nel silenzio di un mattino come tanti
in questo accenno freddo di aprile
il faggio torna a rinverdire
alla mia finestra.

Il viale deserto, radi e di fretta i passanti,
soltanto il sole indora un raggio di vita
e nel cuore l'amara novella
di una nostalgia infinita.

Il faggio che piantasti tu, padre,
in quella lontana primavera,
prima che ti fosse fatale il maggio,
ancora s'ingemma e presto tornerà con belle fronde

ad ombreggiare giorni solitari tutti uguali
mentre io mi perderò ancora alla deriva
nel mare del rimpianto
dalla impetuose onde.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Marina Pacifici, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marina Pacifici, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Nell’esilio della solitudine (Pubblicato il 29/05/2020 13:11:46 - visite: 12) »

:: Resto qui (Pubblicato il 16/05/2020 09:56:55 - visite: 29) »

:: Nel giorno della tua festa (Pubblicato il 10/05/2020 12:30:02 - visite: 33) »

:: Dieci anni, un giorno (Pubblicato il 05/05/2020 11:17:38 - visite: 46) »

:: Il silenzio (Pubblicato il 02/05/2020 09:45:09 - visite: 58) »

:: Una sinfonia sospesa (Pubblicato il 22/04/2020 10:48:10 - visite: 53) »

:: Dimmi se potrò ritrovarti (Pubblicato il 17/04/2020 16:02:18 - visite: 64) »

:: Sono rimasti i ricordi (Pubblicato il 09/04/2020 10:10:17 - visite: 82) »

:: Dove sarai (Pubblicato il 07/04/2020 16:29:13 - visite: 76) »

:: Un treno nella notte (Pubblicato il 30/03/2020 13:10:22 - visite: 72) »