Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 302 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jul 21 12:47:17 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il nome che ti manca


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/04/2019 12:00:00

 

*

 

Di fronte alla parola scimmia fai una

faccia, di fronte alla parola rosa,

un'altra faccia: non ti offende il foglio

candido sul tavolo: dunque scrivi

scimmia e scrivi rosa, e altri lemmi sciocchi

che non devi contendere a nessuno.

 

Basterebbe però soltanto un pezzo

di pane sotto la città isolata,

o una tanica di nafta da stringere,

per farti fare la faccia che hai da fare,

e così smarrire il nome che ti manca:

l'iroso rovescio di scimmia e di rosa.

 

 

*

 

Se il carico è pregiato

e da sotto i botri della strada

quando il camion rallenta

attira i ladri

allora sul rimorchio

io ci metto un maschio

che badi a dar botte

con un sasso

sulle mani incallite

di chi va per montare

ma invece resta a terra

a chiagnere con afflizione

mentre i fanali svaniscono

e il fragore

nella notte.

 

 

*

 

Parlo della creta

e di come è fatto l'uomo

a mezzogiorno

dall'altoparlante

nell'alveo della chiesa

suggerendo un regno

 

dalle ceneri rivivono

corpi infiniti

 

sugli uomini

non sbarca più

la notte

 

di tutti i torti

fatti a dio

oppure al prossimo

verrà consolato

chi quei torti ha commesso

 

chi invece li ha subiti

sarà felice

senza una ragione.

 

 

*

 

Credo sia proprio

questo, e non un altro,

il pomeriggio che oggi

si è messo a circondarmi,

e sono queste le poche cose

inermi a starmi intorno,

dopo che tante altre

dentro sguardi storditi sono

esplose, e ora non è facile

nemmeno nominarle,

mentre vorrei persino

averle addosso, e sentire

l'estate che sibila in un

canale marcio, e piegarmi

e spogliarmi sul fermento

che si perde dietro la finestra,

e parla con la bestia in ansia

nel recinto della casa accanto,

ma ancor di più con dune e canne.

E non so se sono questo o

quello, il cinico o l'ingenuo,

chi ora scrive con la faccia

al muro, o chi è rimasto là,

a far la guardia a una bella

femmina che va di corpo.

 

 

*

 

Non c'era dato fare previsioni

sugli amplessi a cui avremmo dato forma,

mettevamo, anzi, ventre contro sabbia,

negando l'evidenza della copula.

 

 

*

 

Al sole, perforavi le conchiglie,

congedavi la tavola di legno,

ogni singola goccia d'acqua, come

ferma al suo posto, al tuo occhio così crudo.

 

 

*

 

La città verso un aspro quartiere:

qualche faccia sui muri, un selvatico

 

fiore: facile adesso volere,

nella polvere, estinto, il politico.

 

 

 

[ da Il nome che ti manca, Ugo Magnanti, peQuod ]

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Piccolo poema di amor circense (Pubblicato il 15/07/2019 12:00:00 - visite: 123) »

:: Deux poèmes (Pubblicato il 08/07/2019 12:00:00 - visite: 211) »

:: Adolescente (Pubblicato il 01/07/2019 12:00:00 - visite: 98) »

:: Ero in una tasca celeste - inediti (Pubblicato il 24/06/2019 12:00:00 - visite: 231) »

:: Lunamajella (Pubblicato il 17/06/2019 12:00:00 - visite: 203) »

:: Scrittura come ciglio (Pubblicato il 10/06/2019 12:00:00 - visite: 203) »

:: El primer hombre - Il primo uomo (Pubblicato il 03/06/2019 12:00:00 - visite: 159) »

:: V come Vincent (Pubblicato il 27/05/2019 12:00:00 - visite: 206) »

:: Midbar (Pubblicato il 20/05/2019 12:00:00 - visite: 212) »

:: Poesie per mamma Elda (Pubblicato il 13/05/2019 12:00:00 - visite: 250) »