Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 257 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Sep 16 08:09:28 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Midbar


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/05/2019 12:00:00

 

Dabar


Ogni parola è un passo.
Cambia nel dirsi e nell’ascolto
come una distanza
raggiunta con il corpo
                         e superata.
Fonda flessuosa luce le cresce dentro
se in alto
o nella misura dell’appoggio
più spazio riesce a separare
l’immagine dal nome.


E il nome pronunciato
è già percorso.
Non c’è certezza di un inizio
sul cammino.
         L’origine ci sfugge
come l’istante
in cui tutta la lingua si dispiega
e il bambino
di colpo sa parlare.


Ogni parola è un balbettare
forte dell’inciampo
con cui il suono
l’invera mano a mano.


Nasce dal deserto e non lo lascia:
mentre lo attraversa
ne spinge il confine più lontano.
E nel silenzio si vede
riflessa, incinta di echi
             come il profeta
che muore
carico di futuro
sulla soglia
della terra promessa.


 

 

Ai piedi del monte


“Tutto il popolo tolse i pendenti che ciascuno aveva agli
orecchi e li portò ad Aronne. Egli li ricevette dalle loro
mani, li fece fondere in una forma e ne modellò un vitello
di metallo fuso” (Es 32,3).

 

Conosci l’abbandono
il deserto?
Non eri forse il fuoco
e noi le volpi?
Sei tu
che ci hai voluti
            allo scoperto.


Avevo piedi stanchi
fiato corto


perché ti ho amato?


Te ne sei andato
portandoti la nube. Con te
la nostra sola guida
la sua voce.


Conosci
il laccio
della nostalgia?

L’assenza di riparo?


Sì, ho dato tutto l’oro
in cambio di una danza
e di un corpo che rimane.
            È immobile
bello
guardiano di ricordi
e docile alla mano
come un vitello.


 

 

La preferita


“Al tempo della mietitura del grano, Ruben uscì e trovò
delle mandragore, che portò alla madre Lea. Rachele disse a
Lea: «Dammi un po’ delle mandragore di tuo figlio»”. […]
Riprese Rachele: «Ebbene, Giacobbe si corichi pure con te
questa notte, ma dammi in cambio le mandragore di tuo
figlio»” (Gn 30,14-15).

 

Che lunga lotta la notte
in cui ti cedetti
             il nome
e il sogno che mi spettava!
Sorella mia
           quale forza
quale disperazione
mi dava la giovinezza
e il freddo della tua vergogna
di una tua esclusione!

 

Anche nel corpo privato di baci
inchiodato dal buio
all’ascolto
come il segugio dei vostri respiri
sentivo
          vivo
          il privilegio.

 

Ora il corpo è cambiato.

Il lutto
non è più delle labbra
ma del mio seno asciutto.


Dalla soglia ho visto
             il dono
al ritorno.
Mille notti in baratto
varrebbe
             l’amore di un figlio.


 

 

[ da Midbar, Raffaela Fazio, Raffaelli Editore ]


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Parabola di Piero (Pubblicato il 16/09/2019 12:00:00 - visite: 81) »

:: Praticare la notte (Pubblicato il 09/09/2019 12:00:00 - visite: 168) »

:: Flagello di Parigi (Pubblicato il 02/09/2019 12:00:00 - visite: 118) »

:: Ineludibile il dolore (Pubblicato il 26/08/2019 12:00:00 - visite: 120) »

:: La misura del silenzio (Pubblicato il 19/08/2019 12:00:00 - visite: 173) »

:: Incroci obbligati (Pubblicato il 12/08/2019 12:00:00 - visite: 173) »

:: Ha appena finito il libro (Pubblicato il 05/08/2019 12:00:00 - visite: 182) »

:: Lettera dal mare (Pubblicato il 29/07/2019 12:00:00 - visite: 393) »

:: Il guscio delle cose (Pubblicato il 22/07/2019 12:00:00 - visite: 142) »

:: Piccolo poema di amor circense (Pubblicato il 15/07/2019 12:00:00 - visite: 174) »