Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 225 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Nov 14 01:49:06 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La misura del silenzio


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/08/2019 12:00:00

 

Il paese discosto

 

Se m'accogliesse l'incertezza e io stanco

scegliessi rifugio più oscuro,

saprei aspettarti nell'alba:

come il respiro s'adombra e la quiete

protegge le foglie, incartate nel vento.

Lì troverei un pendio scosceso, adagiato

nel bianco, in mezzo ai pineti.

Lontano giace l'albero ai cui piedi fui bambino.

Più lontano ancora, apposte sui monti,

le terre dei vivi e dei morti.

 

S'intinge nella carne il freddo al mattino.

E s'anche distratto non m'accorgessi,

pur rimarrebbe l'impronta nera d'un sasso.

Non ho da volgere che un solo sospiro

e leggera una brezza m'investe le lebbra.

Sono fresia proclamata alla notte,

rugiada fra le dita del mare.

 

 

 

In fondo al cuore a non cercarti

 

Se solo avessi la certezza che amarti

poi bastasse. Stringerei i ceppi al recinto,

i respiri incerti, la convinzione della luna.

Come la pioggia quando solca il suolo,

e ammutolisce.

Avverto un temporale nella notte, una brezza

a trascinarmi via.

Non vedo

In un sospiro, qui, si muore.

Circondami gli occhi, che il cuore ancora duole

a ricucire i passi

Restringi quei fermagli. Ma non odiarmi,

come il vento quando ti respinge;

racchiudimi in un corpo senza voce,

raggela le mie vene in questo prato.

Ad amore appartengo.

In un'altra vita, non vederti. In fondo al cuore

e non trovarti. Mille e mille volte ancora.

 

 

 

[ da La misura del silenzio, Davide Cuorvo, Manni Editori ]

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Ciò che occorre è un uomo (Pubblicato il 11/11/2019 12:00:00 - visite: 110) »

:: Tre poesie (Pubblicato il 04/11/2019 12:00:00 - visite: 222) »

:: I am Vertical - Tulips (Pubblicato il 28/10/2019 12:00:00 - visite: 99) »

:: Poesia che mi guardi (Pubblicato il 21/10/2019 12:00:00 - visite: 194) »

:: Aos Amigos (Pubblicato il 14/10/2019 12:00:00 - visite: 191) »

:: Il mondo così fatturato (Pubblicato il 07/10/2019 12:00:00 - visite: 199) »

:: Tre poesie (Pubblicato il 30/09/2019 12:00:00 - visite: 191) »

:: Ma da un presagio d’ali (Pubblicato il 23/09/2019 12:00:00 - visite: 204) »

:: Parabola di Piero (Pubblicato il 16/09/2019 12:00:00 - visite: 144) »

:: Praticare la notte (Pubblicato il 09/09/2019 12:00:00 - visite: 252) »