Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
La classifica del Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
W.H. Auden, L’età dell’ansia, di Franco Buffoni | e-book n. 240]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 284 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 1 06:01:59 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Praia de Outono


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/11/2019 12:00:00

 

 

 

Praia de outono desfigurada

Pela mordaça das marés vivas

Praia de outono transfigurada

Pela ameaça de alguém que partiu

 

Aquele amor sob o furor do mar

Já começou a declinar

Tenho medo!

Nem eu sei de quê a noite vem tão cedo

Praia de outono ninguém nos vê

 

Em ti a bruma

Em mim ciúme

Vão-nos velando

A nós como as marés

 

Não se vislumbra

Esperança nenhuma

De alguém saber

Quem sou nem quem tu és

 

 

 

Spiaggia di autunno

 

Spiaggia di autunno sfigurata

Dal bavaglio delle maree imponenti

Spiaggia di autunno trasfigurata

Dalla minaccia di qualcuno che è partito

 

Quell’amore sotto la furia del mare

Ha già cominciato a declinare

Ho paura!

Non so perché la notte arriva così presto

Spiaggia d’autunno nessuno ci vede

 

In te la nebbia

In me la gelosia

Ci stanno velando

A noi come le maree

 

Non si scorge

Nessuna speranza

Di qualcuno che sappia

Chi sono io né chi tu sei

 

 

℗ 2019 SME Portugal, Sociedade Unipessoal, Lda. Composer: David Mourão-Ferreira, Guitar: Paulo Parreira, Composer: Nóbrega e Sousa Viola: Rogério Ferreira, Mixing Engineer, Recording Engineer: Joaquim Monte. Traduzione del testo portoghese in italiano: Roberto Maggiani ]

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: zoom su tutte le città ferite a morte (Pubblicato il 30/03/2020 12:00:00 - visite: 140) »

:: The need (Pubblicato il 23/03/2020 12:00:00 - visite: 133) »

:: Notizie da Patmos (Pubblicato il 16/03/2020 12:00:00 - visite: 221) »

:: Quando chel cubo (Pubblicato il 09/03/2020 12:00:00 - visite: 171) »

:: Fra l’autunno e l’estate (Pubblicato il 02/03/2020 12:00:00 - visite: 247) »

:: La fede (Pubblicato il 24/02/2020 12:00:00 - visite: 433) »

:: Lr yihw (Pubblicato il 17/02/2020 12:00:00 - visite: 388) »

:: Piccolo canzoniere privato (Pubblicato il 10/02/2020 12:00:00 - visite: 491) »

:: Fehlen (Pubblicato il 03/02/2020 12:00:00 - visite: 356) »

:: Shoah #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2020 12:00:00 - visite: 423) »