Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
"Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Intervista a Sara Galeotti, I classificata sezione B: Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 512 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Apr 9 01:11:30 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Piccolo canzoniere privato


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/02/2020 12:00:00

 

I.

 

E se qui ancora tace la mattina

e non riporta dal passato un caro

viso morto, altre morti già saranno

come tue, tanto indefinibili;

 

e di tuo padre un giorno e di tua madre

verranno allora i volti nel ricordo

partecipi della tua stessa vita,

di tanto del tuo stesso amore.

 

Ma tace ancora a lungo la mattina

con piccole infusioni di rumore.

 

 

IX.

 

Alla fioca luce notturna delle stelle

l’aria si improvvisa solo dove i tetti

in lampi e in squarci scoprono la vista

 

e dentro infilo alle mie tasche in fondo

un po’ della mia notte immaginata

 

a rompere le righe come quei soldati

un tempo in guerra ma ora persi, andati

in un altrove e intenti a raccontare

 

storie d’amore, di un’eterna pace.

 

 

XXIV.

 

Dentro il cielo è un muoversi di onde

chiare e scure, di pioggia e di vapore

ed è così impalpabile il pensiero

anche gravato di cose terrene.

 

Viaggi anche tu che sei la scheggia

discesa dalle spire di un’eterna

idea: ora luce, ora d’ombra il volto.

 

Viaggi anche tu e in questa attesa

che logora e finisce – e già è finita -

si intrecciano i versi come nidi.

 

 

[ da Piccolo canzoniere privato, Alessio Vailati, Controluna ]

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Ci aveva traditi, Giacomo? (Pubblicato il 06/04/2020 12:00:00 - visite: 103) »

:: zoom su tutte le città ferite a morte (Pubblicato il 30/03/2020 12:00:00 - visite: 203) »

:: The need (Pubblicato il 23/03/2020 12:00:00 - visite: 158) »

:: Notizie da Patmos (Pubblicato il 16/03/2020 12:00:00 - visite: 236) »

:: Quando chel cubo (Pubblicato il 09/03/2020 12:00:00 - visite: 185) »

:: Fra l’autunno e l’estate (Pubblicato il 02/03/2020 12:00:00 - visite: 267) »

:: La fede (Pubblicato il 24/02/2020 12:00:00 - visite: 448) »

:: Lr yihw (Pubblicato il 17/02/2020 12:00:00 - visite: 396) »

:: Fehlen (Pubblicato il 03/02/2020 12:00:00 - visite: 369) »

:: Shoah #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2020 12:00:00 - visite: 441) »