Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST: 10 luglio 1871 - 10 luglio 2019
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1479 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 17 07:13:46 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dentro una passione

di Antonio Piscitelli (Biografia)

Proposta di Redazione LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/01/2015 21:35:08

 

[Anticipazione del libro Dentro una passione, di Antonio Piscitelli, Edizioni Scientifiche Italiane, in occasione del Giorno della Memoria, 27 gennaio 2015]

 

 

[dal cap. 8]

 

Io so perché Scioltè stava diventando matto, pur senza darlo a vedere. Forse io stesso suffragavo quel suo farneticante ragionare, dopo che gli avevo detto di Seth. Non riusciva a pensare se non che la shoah-olocausto non opera umana fosse, ma di un’oscura forza del male che opera contro l’ordine universale. Così pensando, cessò di valutare serenamente i fatti e ineluttabilmente scivolò nel mito, nella leggenda, nell’irrazionale sentire con «animo perturbato e commosso». Lui era divorato non dalla sete di conoscenza, ma da un’insana passione.

Pare che i due fratelli di Berlino siano stati tra i rivoltosi del campo guidati da Aleksandr Aronovič Pečerskij, il celebre ufficiale ucraino ivi detenuto. Le testimonianze dei pochi sopravvissuti e i documenti raccolti dicono che, a parte coloro che perirono durante la rivolta, quelli riacciuffati dai nazisti nelle campagne circostanti furono tutti uccisi. Un colpo alla nuca davanti alla fossa che si erano essi stessi scavata. Otto e Hans erano tra loro.

– Nooo! – urlò Scioltè e l’urlo squarciò il silenzio attonito dei presenti, scosse la sala in cui eravamo, come uno scoppio improvviso.

 

 

[dal cap. 17]

 

Si annoiava il personale tedesco del campo. Così poteva capitare che, per svagarsi un po’, selezionasse un detenuto qualsiasi di sesso maschile, gli cucisse nelle braghe un topo vivo e gli intimasse di non muoversi, pena la fucilazione. Immagina. Cosa faresti tu, se avessi un topo vivo nelle mutande? Il prescelto era ovviamente condannato a morire prima degli altri. Un’altra pratica impietosa era quella di dar da bere le urine prodotte dai tedeschi al disgraziato di turno, dopo che si fosse ubriacato di vodka e avesse ingurgitato chili di salsicce. Non doveva vomitare. Se lo avesse fatto, sarebbe andato incontro a sevizie di ogni genere, fino a quando non fosse morto. Quelli che compivano queste atrocità erano uomini o bestie? Uomini, uomini, perché nessuna bestia potrebbe fare cose del genere.

È risaputo che i prigionieri erano immediatamente selezionati per sesso, per età, per condizioni fisiche. La signora de Vries teneva ben stretta al petto la sua bimbetta e non intendeva in alcun modo separarsene, ma la regola era che i bambini fossero uccisi per primi. Erano detenuti fin troppo scomodi da gestire. Un soldato tedesco impose alla madre di cedergli la piccola e, all’ostinazione di lei a non volerla mollare, lui prima le fracassò la testa col calcio del fucile, poi, quando la donna, tramortita, mollò finalmente la presa, gliela strappò dalle braccia e la lanciò, come fosse un fagotto di cianfrusaglia, nell’enorme falò che era stato acceso nei pressi, così che la creaturina morì bruciata viva, senza nessuno che potesse soccorrerla. Questo riferiva la lettera, ma diceva anche che il signor de Vries desiderava morire e sperava di essere inserito nel turno delle imminenti esecuzioni. Dopo l’orrore al quale aveva assistito, rifiutava la vita, rifiutava la condizione di uomo. Un altr’uomo aveva massacrato sua moglie e fatta morire una bimba di appena tre anni tra atroci tormenti.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Redazione LaRecherche.it, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Proposta_Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Cielo d’acciaio , di Antonio Megalizzi (Pubblicato il 15/12/2018 16:07:20 - visite: 288) »

:: La leonessa , di Luigi De Rosa (Pubblicato il 24/04/2018 20:06:49 - visite: 614) »

:: L’uovo , di Davide Cortese (Pubblicato il 18/04/2018 17:43:36 - visite: 509) »

:: La scimmia , di Andrea Catalano (Pubblicato il 11/04/2018 23:40:40 - visite: 1695) »

:: La partenza - un’altra vita , di Mariolina La Monica (Pubblicato il 10/07/2016 12:00:00 - visite: 765) »

:: Se non ora , di Domenico Vuoto (Pubblicato il 30/03/2014 01:05:23 - visite: 1513) »

:: Je trouvais que c’était un peu trop bien dit , di Marcel Proust (Pubblicato il 10/07/2012 12:00:00 - visite: 1280) »

:: Sedici anni , di Franco Buffoni (Pubblicato il 15/05/2012 22:32:16 - visite: 1375) »

:: Sempre si giravano indietro... , di Louisa May Alcott (Pubblicato il 11/05/2012 22:32:32 - visite: 2590) »

:: Lettera di un condannato a morte , di Giacomo Ulivi (Pubblicato il 25/04/2012 15:46:43 - visite: 2911) »