Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1623 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 15 12:57:25 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La mia amica Morel e altri racconti

Racconti

Antonio Spagnuolo (Biografia)
Kairòs Edizioni

Recensione di Giuliano Brenna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/12/2008 19:58:06

In questa raccolta di racconti, Antonio Spagnuolo, ci conduce in un affascinante viaggio alla scoperta di un’Italia “minima”, fatta di accadimenti, passioni, piccole rivoluzioni personali dei vari protagonisti. Fatti che non portano a sconvolgimenti sociali, magari su scala nazionale, ma vissuti nell’intimo delle case, nei vicoli arsi dal sole di piccoli paesi della provincia, addirittura in sagrestie di parrocchie di paese, e spesso vissuti con tensione nel segreto delle coscienze, perché si tratta di fatti che da sempre si ritengono innominabili: quelli che avvengono ai corpi fra le lenzuola o nella penombra silenziosa del salotto. Infatti, nella raccolta, l’autore spesso ci racconta storie di passioni, di corpi, di seduzione, ma lo fa con la levità di chi sa come creare un racconto e non si serve di bassezze per portare alla luce cose che generalmente o si celano o si ostentano, Spagnuolo, con la sua felice scrittura, riesce a ricostruire rapporti carnali lasciando fuori dalla pagina tutto ciò che di carne è fatto, usando l’evocatività di certi accostamenti di verbi, lo fa col suono delle parole stesse, accennando, con veloci e precisi tratti, quasi come in un acquerello, donandoci periodi scritti con gusto e che sono ben più carnali ed erotici di quelli che descrivono una scena attraverso un approccio agli avvenimenti più didascalico. Lungo tutti i racconti, anche in quelli non meramente carnali, Spagnuolo, tesse leggiadro, intrecciando colori suoni e profumi tipici della provincia del meridione d’Italia, raccontandoci fatti anche minimi, ma con un modo talmente affascinante da rendere ogni scorcio un piccolo, gustoso, capolavoro. Benché abile narratore, egli, come accennato, sembra quasi un pittore impressionista, in pochi tratti riesce a dare una luce magica al quotidiano, altre volte invece sembra ricamare su di un lembo di tessuto comune, creando, con l’abilità del suo lavoro e il sapiente accostamento dei colori, degli arazzi in miniatura dall’aria vivacissima. L’autore scrive con una sapienza e un gusto rari, riesce abilmente ad intrecciare i periodi in modo da raccontare ciascuna vicenda facendo finta di parlare d’altro, quasi più evocando, o costruendo una elegante sinfonia piuttosto che raccontando in modo diretto la singola storia. I diciotto racconti che, insieme a “La mia amica Morel”, compongono la raccolta, scorrono veloci sotto gli occhi del lettore, che gusta questa piccola opera d’arte quasi col rammarico di vedersela finire tra le mani. Oltre a deliziarci con una scrittura attuale, ma dalla radice antica, Spagnuolo, si diverte a dare a ciascun racconto una coloritura di fondo particolare, in modo che oltre a scrivere i vari racconti con stili diversi, adattati alla trama degli stessi, in alcuni infonde il gusto tipico degli stili narrativi italiani che si sono succeduti, nel corso degli anni dal dopoguerra ad oggi, tra le pagine dei romanzi nazionali.
Questo libro sicuramente si staglia e brilla sulla massa della maggior parte dei libri che vediamo esposti nelle librerie, soprattutto in questo periodo natalizio, non ha quel retrogusto di “scrittura automatica”, ma ha una sua precisa ed elegante personalità, è ben pensato e ben scritto, e, soprattutto, molto ben curato, lasciando trasparire tra le righe l’amore dell’autore per la scrittura.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Leggi altre recensioni ai libri di Antonio Spagnuolo:

:: Canzoniere dell’assenza - Kairòs Edizioni
(Pubblicata il 30/03/2018 12:00:00 - visite: 752) »


:: Oltre lo smeriglio - Kairós Edizioni
(Pubblicata il 24/10/2014 12:00:00 - visite: 1500) »


:: Misure del timore - Kairòs Edizioni
(Pubblicata il 28/06/2011 12:00:00 - visite: 1559) »


:: Fratture da comporre - Kaírós Edizioni
(Pubblicata il 18/12/2009 17:30:40 - visite: 1575) »


:: Un sogno nel bagaglio - Manni Editori
(Pubblicata il 23/02/2008 - visite: 1168) »