Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
21 marzo - Giornata Mondiale della Poesia: La Poesia, i Poeti #poesiapoeti »
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1201 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Mar 19 23:42:20 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La sorpresa di vivere

Poesia

Bruno Fabi
Anemone Purpurea Editrice

Recensione di Roberto Maggiani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/03/2008

Bruno Fabi è Procuratore Generale Onorario della Corte Suprema di Cassazione, Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica, è autore di molti testi, anche di carattere scientifico e letterario. Fondatore della corrente filosofica "Irrazionalismo Sistematico", che molto ha influito sul pensiero contemporaneo, egli è l'autore del saggio di una filosofia dell'irrazionale (Il Tutto e il Nulla) riedito da Anemone Purpurea nel 2006 con un successo di critica enorme (un noto quotidiano ha titolato una recensione così: "Bruno Fabi, il filosofo che ha capovolto l'assunto di Hegel").
Ma per quanto riguarda la poesia non direi che il successo sia il medesimo. Questo libro, sicuramente degno di essere pubblicato, non esalta. Ci sono alcune poesie di gradevole lettura, ma nella sostanza il libro non convince. Il versificare è talvolta impacciato da inopportuni capovolgimenti tra soggetto verbo e oggetto. Alcuni versi sono indeboliti da parole inadatte e la poesia non decolla, come se non riuscisse a penetrare la scorza dell'anima che legge appesantita dalla quotidianità. La poesia deve essere penetrante e capace di sollevare il cuore e portarlo in un dove misterioso, al di sopra della pesantezza del reale.
Per funzionare il libro avrebbe dovuto essere più lavorato, direi ripulito, e lasciare poesie tipo questa: "Quando capii che tra noi era finita / mi trovai in un paese sconosciuto / più lontano di non so dove. / Allora mi incamminai per questo viaggio / lungo come la vita".
Il solo fatto di essere intelligenti, filosofi, letterati e scienziati, non significa essere poeti.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »