Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1268 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 18 15:13:30 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dovere d’allegria

Poesia

Giulio Bogani
Edizioni Gazebo

Recensione di Roberto Maggiani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/03/2008

Un libro le cui poesie sono brevi, la più lunga ha quattordici versi. Bogani scava nella materia composta da parole, cesella i versi fino ad ottenere una linfa che basta ad esprimere il contenuto. E' un ermetismo coinvolgente, i versi aprono spiragli di luce oltre l'immediatezza della descrizione. La raccolta è breve e si regge su di un dettato desertico e petroso, libero dalla verbosità. Il libro si apre e si chiude, ma lo riapriresti per leggerlo nuovamente, e forse è cosa da fare poiché si va più a fondo ancora, come a colmare quegli spazi vuoti della distrazione che ci si aspetta durante la lettura di un libro, ma che qui equivalgono a perdere una elevata percentuale di significati e significanti.
Da segnalare la bellissima introduzione al libro scritta dall'autore: "Mi risulta difficile distinguere la ricerca di una giustizia sociale o il peresguimento d'un ideale, dalla ricerca d'un sorriso o dal perseguimento d'un amore: credo che siano lo stesso volto coerente, gli stessi occhi d'un identico irrinunciabile sogno". Quella di Bogani è la poetica dell'esistenza, dell'essenza, dell'oltre l'evidente, del non omologato: "Non abbiamo ritratti / né rifugi / né rapporti. // Ma il mio calore esiste / ed è fuori casta". Ed esprime bene la vita, un viaggio, una migrazione, un piacevole "vaso rotto dal vento": "Come la goccia / sospesa sulla cannella / e il suo futuro infrangersi / così questo viaggio / il vaso rotto dal vento".

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »