Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 238 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Aug 16 18:07:59 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sul tragico nelle odi corali antiche

Argomento: Letteratura

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/07/2018 21:02:22

L'ode tragica comincia nel fuoco più alto. Lo spirito puro, la pura interiorità ha varcato i suoi limiti e non ha mantenuto sufficientemente moderate quelle relazioni della vita – la coscienza, la riflessione, oppure la sensibilità fisica – che necessariamente, e quindi quasi già da sé, sono inclini al contatto e per quello stato di completa interiorità lo diventano eccessivamente; sicché per eccesso è sorto il dissidio che l'ode tragica finge fin dall'inizio per rappresentare ciò che è puro. Essa poi, per un atto naturale, dall'estremo della distinzione e della necessità passa all'estremo della non distinzione di ciò che è puro, del soprasensibile che non sembra riconoscere alcuna necessità, di là quindi cade in una sensibilità pura, in una interiorità più moderata, giacché l'interiorità originariamente più alta, divina, ardita, le è apparsa come un estremo, e non può più neppure cadere in quel grado di interiorità eccessiva da cui ha preso le mosse nel suo tono iniziale, giacché, per così dire, ha sperimentato ciò a cui esso portava; dagli estremi della distinzione e non distinzione essa deve passare in quella riflessività e in quel sentimento tranquilli in cui certo deve necessariamente sentire la lotta di quella strenua riflessività, e quindi il suo tono iniziale e il proprio carattere come opposizione, e passare in esso, se non vuole finire tragicamente in questa moderatezza; ma poiché essa sente tale carattere come opposizione, l'ideale che concilia queste due opposizioni risulta in modo più puro, il tono originario è ritrovato, e con riflessività, e così di qui (cioè dall'esperienza e dalla conoscenza di ciò che è eterogeneo) – mediante un moderato e più libero riflettere o sentimento –, essa ritorna più sicura, più libera e più radicale al tono iniziale.

 

© Paolo Melandri (4. 7. 2018)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Paolo Melandri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Fisica ] Il colore rosso (Pubblicato il 07/02/2019 13:22:46 - visite: 147) »

:: [ Filosofia ] La mano (Pubblicato il 20/01/2019 12:55:36 - visite: 155) »

:: [ Storia/Mitologia ] Filemone e Bauci (Pubblicato il 30/12/2018 12:40:36 - visite: 188) »

:: [ Mitologia ] Giuda (Pubblicato il 19/07/2018 22:29:05 - visite: 269) »

:: [ Filosofia ] Filosofia della natura e natura della filosofia (Pubblicato il 10/06/2018 01:20:44 - visite: 261) »

:: [ Letteratura ] Gufi e poeti [un topos tra otto e novecento] (Pubblicato il 15/03/2018 19:53:30 - visite: 597) »

:: [ Filosofia ] Due Tesi e uno Scolio sulla Verità (Pubblicato il 01/03/2018 22:20:10 - visite: 395) »

:: [ Storia ] Antropologia schilleriana e radici cristiane europee (Pubblicato il 09/07/2015 12:32:00 - visite: 862) »

:: [ Musica ] Più che mai la unica Le Ouvertures del Fidelio (Pubblicato il 02/05/2015 19:24:33 - visite: 702) »

:: [ Letteratura ] Il poeta e i giganti (Pubblicato il 12/03/2015 19:47:04 - visite: 949) »