Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Franca Colozzo
Tango della Giovinezza

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Colozzo - 27/04/2018 20:57:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Grazie Salvatore, per i tuo commento. Amo il tango e continuo ballarlo, almeno con la fantasia. Sono una passionaria della vita e niente potrà mai piegarmi. Buon weekend e buona serata.

 Salvatore Pizzo - 27/04/2018 20:20:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

C’è tutta una vita in questi passi danzati per versi, con tutta la passione che, solo un tanghero, sa imprimere alle movenze, rimanendo nel gioco tra ricordi e presente...
E’stato molto bello farci un giro e lasciarsene avvincere dalle note maliconiche ma non arrese...
Ciao

 Franca Colozzo - 26/04/2018 14:22:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Grazie Giulia per il tuo commento che è riuscito a cogliere nella mia poesia quel pizzico di nostalgia per il tempo passato, ma anche la passione per la vita e la magnificenza del creato. Ti ringrazio per la bellezza che tu mi attribuisci, svanita tra le pieghe del tempo. Ma, al di là dell’esteriorità, credo che si trovi nell’anima quella bellezza imperitura che non sfiorisce con il passar degli anni. Questo rappresenta il mio riscatto rispetto a ciò che ho perso: filtrare attraverso l’anima quella luce interiore, che spero si riverberi nelle poesie. Se non c’è luce interiore, anche la poesia nasce vuota, senz’anima, per quanto possa essere stata scritta stilisticamente bene.
Il tango poi, ballo che amo tanto, è proprio quello indicato per trascinare nei movimenti quell’onda passionale che deve sempre riempire i nostri più reconditi pensieri, affinché la vita diventi un sogno. Grazie per il tuo commento. Un abbraccio. Buona serata.

 Giulia Bellucci - 26/04/2018 07:44:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Una poesia che rispecchia i ricordi dell’eta più Florida, trenta-trentacinque anni. È l’eta’ del massimo splendore, della passione, ben espressa attraverso la metafora del tango, sia per una donna che per un uomo, mentre la clessidra traditrice continua a far scivolare giù granelli di tempo preziosi. Sono dei ricordi proiettati attraverso esperienze memorabili per te, che tuttora custodisci nel tuo cuore. Ma ogni età va colta nel giusto modo, perché offre sempre nuovi momenti significativi nella vita di ciascuno. Basta guardare con gli occhi giusti. Non potevi che essere molto bella a quell’eta’, come mostrano le foto, perché ancora lo sei.
Un abbraccio grande Franca.

 Franca Colozzo - 25/04/2018 23:19:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Carissima Sabina, grazie per il tuo graditissimo passaggio ed il lusinghiero commento. Anche tu esprimi questo tipo di bellezza e di esuberanza, oltre ad essere nel fiore della gioventù.
La mia giovinezza è un ricordo, che ho voluta incastonare in una poesia dove ho racchiuso i sogni, il mare e tutto ciò che mi ha arrecato gioia, in primis l’amore. Solo attraverso la sua forza dirompente è possibile superare tutti gli ostacoli e le difficoltà che la vita invariabilmente ci pone di fronte. Ti auguro una felice notte. A presto.

 Sabina Spielrein - 25/04/2018 22:47:00 [ leggi altri commenti di Sabina Spielrein » ]

racchiudi lo splendore delle idee e lo splendore del corpo. nelle immagini emergi come incastonata in un dipinto di max ernst esposta a effetti perturbanti. belli i versi, quasi una metafora per capire un po’ la tua storia.

ciao
carissima franca (incantevole tuttora)

 Franca Colozzo - 25/04/2018 20:27:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

@Edi @Antonio, ringrazio entrambi per i vostri commenti che colgono il senso della nostalgia per la giovinezza passata e della bellezza del mare che sempre si rispecchia nei miei pensieri e nelle mie poesie. La mia vita è iniziata, in verità verso i quindici anni, quando mio marito, allora mio fidanzato, mi ha insegnato a non aver paura del mare profondo. Per quanto figlia di comandante di navi, le preoccupazioni materne che io potessi affogare, mi avevano inculcato la paura di affrontare il mare aperto. Sono grata a mio marito di avermi fatto scoprire le profondità marine in cui mi calo alla ricerca delle sue affascinanti creature. Da questo amore sviscerato per il mare nasce anche la mia gioia di vivere, qualche volta offuscata da nuvole passeggere, che poi si diradano presto, perché difficilmente porto a lungo rancore verso gli altri dentro di me.

@Antonio, mi piace la storia dell’abbinamento tra tango e giovinezza, essendo il tango un ballo melanconico e piuttosto incline alla nostalgia. Mi piacciono sempre le tue citazioni colte che mi fanno calare in realtà che spesso ignoro.
Un saluto affettuoso ad entrambi. Buona serata

 Edi Davoli - 25/04/2018 19:09:00 [ leggi altri commenti di Edi Davoli » ]

Tu, cara Franca, e il mare che ti ha accompagnato nella tua avventurosa vita. Un connubio. Come Venere che emerge dalle acque, rivivi nel tuo album di foto, la Grecia, terra di miti, storia e acque spettacolari con la nostalgia che non offuscava i tuoi occhi di giovane e bellissima donna.

 Antonio Terracciano - 25/04/2018 18:49:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Indovinato abbinamento, direi, quello della giovinezza perduta e del tango. Ci sono poche musiche, forse, che ci riempiono di nostalgia per la nostra vita passata, come il fado, e il tango appunto. Un romanzo dello scrittore portoghese Antònio Lobo Antunes, "La morte di Carlos Gardel" , ha tra i principali protagonisti un anziano personaggio che affoga le sue inquietudini esistenziali ascoltando continuamente i vecchi tanghi del "divino" Gardel, tanghi spesso più impietosi di quanto si creda, come quello (del quale non ricordo il titolo) in cui il cantante (notando che "las minas" , le ragazze, non si accorgono più di lui) a un certo punto dice: "Ya no soy aquél de ayer" ( "Non sono più quello di una volta" ) .

 Franca Colozzo - 25/04/2018 17:31:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Grazie Graced del commento che ha messo a fuoco la mia nostalgia e il mio desiderio di bloccare quegli istanti di giovanile splendore, che la clessidra del tempo ha fatto scorrere velocemente come granelli di sabbia. Le immagini sono le mie, ripescate da un vecchio album e vanno dai 30 ai 35 anni di età. La giovinezza è un’altra cosa, spesso inconsapevole di esserlo, e quando ce ne accorgiamo è troppo tardi. Il viaggio in Grecia, in particolare, è rimasto scolpito nella mia memoria per l’unicità dei luoghi, dove l’aria profuma di antiche civiltà e di una natura fragrante per gli aromi selvatici della macchia mediterranea.
Sto attraversando una fase positiva in quanto sono al mio quarto bagno nelle fredde acque del mare, molto tonificanti però. Nuoto molto e quella che potrebbe, di primo acchito, apparire una poesia nostalgica, inneggia all’amore e alla vita attraverso la spumeggiante passione che il mare ci dona. Spero che non sia l’ultimo mio tango, stregata come sono dal mio mare!
Ti ringrazio per le tue belle parole e per il sorriso che profondi sempre quando ti immergi nella bellezza del creato, regalandoci le tue immagini angeliche, che ben raccontano la tua anima. Ti auguro una piacevole serata. Un caro saluto. Franca

 Graced - 25/04/2018 16:30:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Immensa opera che, torna a ritroso nel tempo della giovinezza guardando delle vecchie foto. In ognuna di esse c’è un tratto di vita che ci porta a ricordare le occasioni di quei momenti andati, ma che faranno sempre parte di noi. Momenti bellissimi di viaggi che vanno incontro alla storia ed alla ricerca della millenaria cultura greca, di cui noi facciamo parte. Il tutto descritto divinamente con immagini e metafore intinte con l’inchiostro dell’anima. Complimenti Franca, anche per la bellezza di queste foto in cui, credo sia ritratta tu in vari momenti della vita. Ti trovo incantevole e bellissima! Un caro saluto da Graced.