Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 22/09/2014 12:00:00
Pagina aperta 1410 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Sep 22 17:10:00 UTC+0200 2017

L’Esistenza - inedito

di Roberto Maggiani (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
# 14 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

1

 

Solo un Buco Nero potrebbe raccogliere

i tuoi millenni e racchiuderli

in una piccola scatola

dove io possa osservarne la danza

dall’inizio alla fine del tempo

mentre la vita nasce nel tuo seno.

Mi sorprenderei

nel capire che non hai un segreto –

né forse un dio –

ma una legge d’esistenza

che non può esimersi dall’essere tale.

 

Ciò che conta è la totalità del mondo –

la sua ferrea disciplina:

propagarti in ogni coscienza.

 

2

 

Se quella sera fossi stato qui

ti avrei vista passare –

e ancora prima di vederti portare via dal tempo

avrei avuto nostalgia di te.

 

 

*

 

Premio LericiPea, sezione inediti, nel 60° anniversario (2014).

 

MOTIVAZIONE: Il poeta Roberto Maggiani è di formazione un astrofisico. Pertanto incline a coniugare la cosmologia alla poesia, come si può constatare nel suo inedito: L’Esistenza.

La descrizione di un disco di anelli di gas che ruotano sul giradischi cosmico con al centro il gorgo del cosiddetto Buco Nero; visione che lascia intuire l’ingordigia dell’onnivoro Moloch.

Il bambino che abita il poeta, miniaturizza il ciclopico congegno stellare, ricavandone una trasparente scatoletta, giocattolo dello stile poetico anche caleidoscopio.

Luogo dove il tempo già precede sé stesso, quello che seguirà al dopo.

(Letta da Valentino Zeichen in sede di premiazione)

 

 


# 14 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »